Comuni Valli Impero e Alta Arroscia: al via i progetti sul territorio dal Pnrr green community

Il budget di 3,1 milioni per interventi sull'emergenza idrica, per aumentare l'efficienza energetica, sviluppare un'agricoltura sostenibile, potenziare il turismo e la sentieristica

Sono molti i progetti in partenza a giugno per affrontare l’emergenza idrica, aumentare l’efficienza energetica, sviluppare un’agricoltura sostenibile, potenziare il turismo e la sentieristica nei Comuni delle Valli Impero e Alta Arroscia.

Sono stati presentati a Chiusavecchia, nell’ambito dell’Expo Valli Impero & Maro, i dettagli delle attività – alcune già partite – che verranno realizzate nel territorio entro giugno 2026, previste nel progetto Pnrr green community “Concrete e verdi: due valli sostenibili”, alla presenza dei sindaci − a partire dal padrone di casa Luca Vassallo, da Ilvo Calzia di Pontedassio, Comune capofila del progetto e da Piero Raimondi di Ranzo, presidente dell’Unione dei Comuni Alta Valle Arroscia − del vicepresidente della Regione Liguria Alessandro Piana, del presidente della Provincia di Imperia Claudio Scajola, della Camera di Commercio Riviere di Liguria, del presidente dell’Assemblea dei sindaci della green community Fabio Natta, nel corso di un incontro coordinato dal direttore di Anci Liguria Pierluigi Vinai.

La green community “Concrete e verdi: due valli sostenibili” si trova in Provincia di Imperia ed è costituita dagli 8 Comuni della Valle Impero (Aurigo, Borgomaro, Caravonica, Cesio, Chiusanico, Chiusavecchia, Lucinasco e Pontedassio) e dall’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Arroscia (Armo, Aquila d’Arroscia, Borghetto d’Arroscia, Cosio di Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Ranzo, Rezzo e Vessalico). Coinvolge complessivamente 19 Comuni, 338 km2 di superficie e 9.619 abitanti.

Il progetto ha come obiettivo sviluppare un futuro sostenibile e resiliente per il territorio attraverso un uso equilibrato delle risorse naturali con il pieno coinvolgimento degli attori locali e in dialogo con il centro urbano di riferimento.

Il budget complessivo di 3.175.496,00 euro, con cui verranno realizzati molteplici interventi per il mantenimento del patrimonio agro-forestale, della biodiversità e della filiera del legno (419.597,00 euro); la gestione integrata e certificata delle risorse idriche (1.053.000,00 euro); la produzione di energia da fonti rinnovabili locali in una Comunità Energetica Rinnovabile (446.000,00 euro); lo sviluppo di turismo sostenibile e mobilità dolce (567.800,00 euro); l’eco-montagna (122.099,00 euro); la promozione dell’efficienza energetica (125.000,00 euro).

«L’incontro di oggi nell’ambito dell’Expo Valli Impero & Maro − spiega il vicepresidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura e al Marketing Territoriale Alessandro Piana − è stato particolarmente proficuo e ha siglato il successo di una manifestazione organizzata dall’Azienda Speciale Riviere di Liguria della Camera di Commercio,  dal Comune di Chiusavecchia, capofila del pool dei borghi del comprensorio, Borgomaro, Cesio, Caravonica, Pontedassio, Aurigo, Lucinasco, Chiusanico, in collaborazione con “Espansione”, coi consorzi delle Dop e col patrocinio di Regione Liguria, Anci Liguria e Provincia di Imperia. Ha messo al centro un territorio di contrasti: tra montagne e mare, tra crinali e pianure, tra grandi centri e piccoli comuni. Un territorio che ha grandi potenzialità, ma che condivide problematiche di fondo alle quali è fondamentale garantire una risposta mirata. La cooperazione, l’approccio coeso di comunità consente di affrontare soprattutto l’efficientamento energetico e l’approvvigionamento idrico, prioritari in questo momento per le nostre aziende e per la popolazione».

Secondo Piana l’accesso alla digitalizzazione, il decollo di nuove attività e forme aggregative può aiutare le imprese e i giovani a dare nuova linfa al territorio oltre che occasioni di permanenza.

«In questo quadro − aggiunge − l’opportunità sostenuta dalla Regione fornita dal bando Pnrr – Green Communities ha costituito una preziosa opportunità per un’ampia porzione del territorio della provincia di Imperia, di cimentarsi in un’operazione complessiva ed integrata di rilancio territoriale in un’ottica innovativa, sostenibile ed integrata di alta e bassa valle. La strategia europea per le green communities quindi non solo intende promuovere competitività sostenibile dei territori e la salvaguardia delle risorse naturali, ma anche la rigenerazione di contesti sociali più attivi e la rimessa in moto del sistema dei servizi alla collettività, la cui progressiva perdita è stata alla base dell’abbandono delle aree montane di tutta Europa. Infatti la green community “Concrete e verdi: due valli sostenibili” è costituita dagli 8 Comuni della Valle Impero e dall’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Arroscia. Coinvolge complessivamente 19 comuni, 9.619 abitanti ed è un’occasione di crescita fondamentale».

«Si cerca di utilizzare al meglio i finanziamenti europei che vengono dati − commenta il presidente della Provincia di Imperia Claudio Scajola − qui siamo nell’entroterra per un progetto che interessa due valli, con una cifra complessiva di tre milioni di euro. La parte più significativa è quella della comunità energetica e forse, in particolare, quella relativa agli invasi. Abbiamo bisogno di acqua, di irrigazione  quindi mi pare che sia una buona occasione fare questo incontro qui a Chiusavecchia, nel centro della valle».

Per il sindaco di Pontedassio Ilvo Calzia, capofila del progetto: «Dopo una lunga fase preparatoria è arrivato il momento di agire: cominceremo, infatti, le attività a brevissimo, entro pochi giorni».

Il presidente dell’assemblea dei sindaci Fabio Natta (Cesio), dice: «Il primo progetto a partire è stato quello relativo alla realizzazione di un pozzo nel Comune di Lucinasco, un primo passo per risolvere l’annoso problema idrico che caratterizza il territorio, ma gli interventi previsti, messi insieme con risorse comuni da tutti gli attori istituzionali, sono caratterizzati da concretezza e visione per il futuro».

Il presidente f.f. dell’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Arroscia Piero Raimondi (Ranzo), infine, rimarca l’importanza dei progetti per l’efficientamento energetico della Valle: «L’efficientamento oggi è ancor più prioritario, in conseguenza dell’aumento dei costi energetici, dunque anche riuscire a risparmiare dal 30 al 50% è un’ottima prospettiva, di cui beneficeranno tutti, cittadini, enti e imprese della zona».

I dettagli dei progetti, con finanziamento, soggetti attuatori e stato di avanzamento:

A1. Piano forestale Valle Impero e Alta Valle Arroscia: 110.778,00 euro
Attuatori: Parco Alpi Liguri, Comune di Cesio (in corso affidamenti incarichi)

A2. Installazione caldaie a biomassa in Alta Valle Arroscia: 250.000,00 euro
Attuatori: Unione dei comuni Alta Valle Arroscia (in corso affidamenti incarichi)

A3. Progetto Biodivalp (biodiversità): 58.819,00 euro
Azioni di ripristino e valorizzazione della biodiversità, tra cui lo studio dei boschi vetusti, il ripristino delle praterie sul monte Frontè
Attuatore: Provincia di Imperia (in corso)

B1. Progettazione d’Ambito e invaso rio Agazze a Pontedassio: 236.000,00 euro
Attuatore: Comune di Pontedassio (in corso affidamenti incarichi)

B2. Realizzazione invaso loc. Ciane a Pontedassio: 562.000,00 euro
Attuatore: Comune di Pontedassio (in corso affidamenti incarichi)

B3. Realizzazione pozzi idropotabili a Chiusanico, loc. Torria: 215.000,00 euro
Attuatore: Comune di Chiusanico (in corso di progettazione)

B4. Realizzazione pozzo idropotabile a Lucinasco: 40.000,00 euro
Attuatore: Comune di Lucinasco (in corso di esecuzione)

C1. Realizzazione impianti fotovoltaici in Valle Impero e Alta Valle Arroscia: 400.000,00 euro
Attuatori: tutti i Comuni della Valle Impero e dell’Alta Valle Arroscia (in corso affidamenti incarichi)

C2. Costituzione di una o più Comunità Energetica rinnovabile in Valle Impero e Alta Valle Arroscia: 46.000,00 euro
Attuatori: tutti i Comuni della Valle Impero e dell’Alta Valle Arroscia (in corso studi preliminari)

D1. Sviluppo turismo sostenibile: 33.000,00 euro
Attuatore: Camera di Commercio delle Riviere (in corso studi preliminari)

D2. Sviluppo rete sentieristica e ciclopedonale nei comuni di Borgomaro, Cesio, Chiusavecchia, Caravonica, Lucinasco: 534.800,00 euro
Attuatori: Comuni di Borgomaro, Cesio, Chiusavecchia, Caravonica, Lucinasco (in esecuzione a Chiusavecchia, in corso di affidamenti incarichi per gli altri Comuni)

E1/2/3. Gestione sostenibile del patrimonio edilizio e delle infrastrutture per una montagna moderna: 122.099,00 euro
Attuatori: tutti i Comuni della Valle Impero e dell’Alta Valle Arroscia (in corso studi preliminari)

F1/2. Animazione bandi POR FESR e PSR presso privati e PA e assistenza tecnica ai Comuni nella redazione di progetti da presentare ai bandi per l’efficienza energetica: 125.000,00 euro
Attuatori: tutti i Comuni della Valle Impero e dell’Alta Valle Arroscia (in corso studi preliminari)

G1. Riutilizzo acque di vegetazione frantoi: 37.000,00 euro
Attuatori: Camera di Commercio delle Riviere (in corso studi preliminari)

H1. Integrazione dei servizi di mobilità – servizio navetta/autobus in Valle Impero: 246.000,00 euro
Attuatori: tutti i Comuni della Valle Impero e dell’Alta Valle Arroscia (in corso di affidamento)

I1/2. Comunità del cibo e custode del territorio: 159.000,00 euro
Attuatori: Parco Alpi Liguri e Camera di Commercio delle Riviere (in corso studi preliminari)

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here