Sentenza Tar su nuova Diga, l’Adsp chiarisce: “Lavori proseguiranno secondo cronoprogramma”

La notizia ha provocato qualche reazione politica

Sentenza Tar su nuova Diga, l’Adsp chiarisce: “Lavori proseguiranno secondo cronoprogramma”

“In merito all’odierna sentenza del Tar Liguria inerente il ricorso del Consorzio stabile Eteria S.c. si precisa che i lavori proseguiranno secondo cronoprogramma non avendo la sentenza effetti sul contratto. Tra le varie contestazioni sollevate dal ricorrente Consorzio Eteria i giudici hanno accolto un solo motivo di ricorso che sarà oggetto di appello, fermo restando che la posizione del Consorzio è anche oggetto di verifiche da parte dell’amministrazione, come dà atto nella sentenza lo stesso Tribunale Amministrativo Regionale”. Questa la nota dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale dopo la notizia di questa mattina.

I consiglieri regionali della Lista Sansa, Ferruccio Sansa, Selena Candia e Roberto Centi attaccano: “La sentenza dimostra che i nostri dubbi sul progetto e sull’iter accelerato tanto caro a Bucci, Toti e Signorini erano fondati”.

«Bucci e Toti devono prendersi la responsabilità del rischio enorme cui hanno esposto tutti noi − rincara Ferruccio Sansa − c’è il rischio che ritardi ed extracosti ci facciano perdere i finanziamenti europei. E adesso anche il rischio di colossali risarcimenti dovuti alle imprese che hanno presentato ricorso. Il piglio da cow boy con cui è stata condotta l’operazione diga rischia di costare a tutti noi miliardi di euro di soldi pubblici».

«Il paradosso è che per non perdere i fondi del Pnrr, agendo in emergenza, con modifiche e senza ripensare il codice degli appalti − sottolinea Selena Candia − ora si rischia un enorme danno erariale, quindi esborso di soldi pubblici, per risarcire il consorzio arrivato secondo nella gara per la diga».

«Gli inevitabili ritardi, già palesi persino nella fase iniziale, nel migliore dei casi costringeranno ad accelerare a tal punto le procedure previste dalla catena degli appalti che sarà sempre più probabile un rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata, già ora molto alto», aggiunge il consigliere e presidente della commissione regionale Antimafia Roberto Centi.

Per la Lista Sansa questa vicenda deve anche far accendere i riflettori sulla questione degli intrecci tra politica e grandi imprese di costruttori. «Webuild che con il ‘Modello Genova’ di Toti e Bucci ottenne i lavori per la ricostruzione del Ponte San Giorgio, con il Governo Meloni realizzerà lavori per quasi 30 miliardi, tra ponti, compreso quello sullo Stretto di Messina, dighe e ferrovie − dicono i tre consiglieri regionali − prima o poi bisognerà affrontare la questione del ruolo che sta assumendo quest’impresa ’asso pigliatutto’ con soci privati e pubblici. E con il rischio di un ruolo enorme della politica».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here