A Isola del Cantone in funzione il nuovo ecocompattatore PlasTiPremia

Dopo Ronco Scrivia, Davagna e Isola del Cantone i macchinari mangiaplastica di Amiu sono in arrivo anche a Rossiglione, Torriglia, Arenzano e Cogoleto

A Isola del Cantone in funzione il nuovo ecocompattatore PlasTiPremia

Isola del Cantone è il secondo Comune, dopo Ronco Scrivia, che vede installato sul suo territorio un ecocompattatore del progetto PlasTiPremia.

Da oggi la cittadina della Valle Scrivia ha una sua macchina mangiaplastica, inaugurata alla presenza del sindaco Natale Gatto, di Gabriele Reggiardo, consigliere delegato ai Rifiuti e transizione ecologica della Città Metropolitana di Genova, di Giovanna Damonte e Giovanni Battista Raggi, rispettivamente membro del Consiglio di Amministrazione e presidente Amiu Genova.

Nella mattina odierna si è svolto un laboratorio ambientale dedicato alla raccolta differenziata rivolto ai più piccoli della Scuola Primaria Malinverni di Isola del Cantone, per scoprire in modo interattivo e per niente noioso tutti i segreti di un efficace e corretto riciclo.

L’ecocompattatore è stato installato in Largo Vecchio Scalo in una zona comoda per l’utilizzo da parte di tutti i cittadini.

Dopo Genova, che attualmente ha il più alto numero italiano di ecocompattatori, anche nei comuni del genovesato dove Amiu Genova svolge i suoi servizi ambientali, prosegue la diffusione di questa buona pratica legata alla raccolta differenziata di bottiglie e flaconi in plastica di diverse dimensioni e formati.

«Il Programma Mangiaplastica – dichiara il sindaco Gatto – è un progetto sperimentale Ministeriale e si ringrazia Amiu che ha consegnato ed installato nell’area Vecchio Scalo nel nostro comune l’ ecocompattatore  in grado di selezionare le bottiglie in Pet, ridurne il volume e, in definitiva, favorire il loro riciclo».

L’ecocompattatore offrirà la possibilità di conferire bottiglie per bevande in Pet in maniera differenziata. «Ciò consentirà una sostanziale e considerevole riduzione dei volumi dei rifiuti, permetterà il contenimento della loro produzione, favorirà la raccolta selettiva e migliorerà l’intercettazione e il riciclo della plastica − spiega Gatto −. Lo svuotamento avverrà da parte del gestore locale, nell’ambito del servizio di raccolta ordinario. Saranno, infine, realizzate misure di sensibilizzazione ambientale anche tramite le scuole. Saranno, altresì, previste azioni di incentivazione in favore dei cittadini che conferiscono tramite l’ecocompattatore e che potranno ottenere sconti sugli acquisti, a seguito di convenzioni con le attività commerciali del territorio. Grazie ad Amiu un altro tassello è aggiunto nel percorso di sensibilizzazione e maggiore formazione per implementare la raccolta differenziata verso un sistema di economia circolare».

Nel programma di diffusione degli ecocompattatori nel Genovesato sono previste altre cinque macchine, dopo quelle installate a Ronco Scrivia, Davagna e Isola del Cantone, saranno sistemate rispettivamente a Rossiglione, Torriglia, Arenzano e Cogoleto. Con un piano di sviluppo Amiu, già approvato dalla Città Metropolitana di Genova, e che ha ottenuto anche un finanziamento regionale e la stretta collaborazione con il Consorzio di filiera degli imballaggi in plastica, Corepla.

«In queste settimane, in qualità di consigliere delegato ai Rifiuti e transizione ecologica della Città Metropolitana di Genova – ha dichiarato Reggiardo – ho potuto inaugurate diverse installazioni PlasTiPremia nei comuni del genovesato, e lo faccio sempre con grande entusiasmo in quanto ritengo siano importantissime per ridurre la quantità di rifiuti che finiscono in discarica o in mare, invogliando l’utenza alla corretta raccolta differenziata anche grazie alla premialità offerta dal sistema. Non dimentichiamoci che grazie a queste buone pratiche si riduce la produzione di nuova plastica, procedimento che richiede grandi quantità di energia e risorse naturali per essere realizzato, pertanto con l’uso delle PlastiPremia possiamo fare la nostra parte per proteggere l’ambiente e ridurre la nostra impronta ecologica».

Il ministero della Transizione Ecologica ha finanziato l’installazione di altre macchine in altri tre comuni: Savignone Busalla e Crocefieschi.

«Essere presenti attraverso un impegno costante sul territorio del Genovesato con iniziative di vario tipo e interesse ci rende soddisfatti degli sforzi fatti finora dall’azienda a tutti i livelli. – afferma Damonte – Siamo contenti, inoltre, che questo progetto stia ottenendo crescente successo tra tutti i cittadini della Valle Scrivia, attirati dalla possibilità di fare del bene all’ambiente e anche, non dimentichiamolo, al proprio portafoglio con le occasioni date dalle aziende convenzionate con il progetto».

Coloro che utilizzeranno l’ecocompattatore otterranno un punto per ogni bottiglia o flacone conferita e accumulando punti i cittadini usufruiranno di buoni e sconti nel circuito specifico di attività convenzionate; a questo si aggiungono premi gratuiti messi a disposizione dagli ideatori del progetto e da alcuni partner. Ogni macchina è dotato di uno schermo sul quale compaiono le promozioni dei partner convenzionati. Ricordiamo che la macchina sarà attiva dal lunedì al sabato e si consiglia di scaricare da Apple Store e Google Play la app Plastipremia, per avere sempre sotto controllo i punti accumulati e l’aggiornamento delle attività convenzionate.

«Siamo sicuri − dichiara il presidente Amiu – che gli abitanti di Isola del Cantone che qui vivono e lavorano apprezzeranno la possibilità di ottenere, tramite l’apporto nell’ecocompattatore, premi e sconti dagli esercizi commerciali e, soprattutto, ancora di più coopereranno con noi per aiutare l’ambiente favorendo l’aumento di una raccolta differenziata di qualità. Sappiamo poi che le nostre attività legate all’educazione ambientale con le scuole sono particolarmente apprezzate dai ragazzi e dagli insegnanti. Solo incoraggiando le buone pratiche sul riciclo e sul riuso si insegna che una parte importante della sostenibilità ambientale passa attraverso la consapevolezza della riduzione della produzione dei rifiuti e di una vita senza sprechi di sorta».

Cosa conferire nell’ecocompattatore:

Imballaggi e contenitori in plastica per liquidi: bottiglie di acqua/succo/bibite varie, flaconi di creme e salse alimentari (es. ketchup), flaconi di shampoo/saponi liquidi/creme solari, flaconi di prodotti per la detergenza della casa: sapone per i piatti, detersivi, detergenti, ecc.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here