Piaggio Aerospace, Apa (Uilm): «Il governo dia urgentemente il via libera per il terzo bando»

Ieri la notizia della revoca dei 3,1 milioni di contributo Por Fesr

Piaggio Aerospace, Apa (Uilm): «Il governo dia urgentemente il via libera per il terzo bando»

«Ho letto di stravaganti ricostruzioni sulla sostituzione del commissario Nicastro, che ben ha operato da quando il 3 dicembre 2018 Piaggio Aerospace venne messa in amministrazione straordinaria». A dirlo è il coordinatore regionale Uilm Liguria Antonio Apa, prendendo le parti del commissario.

«Nicastro è stato in questi anni in costante rapporto con i sindacati e ha operato in piena sinergia con il governo evitando, con un carico di lavoro di 700 milioni, il ricorso agli ammortizzatori sociali. Piaggio ha le carte in regola per essere privatizzata, specialmente da quando il ministro Urso ha posto attenzione con un’audizione parlamentare sull’avviamento del terzo bando di gara, che deve avvenire in tempi rapidi».

«È incredibile – prosegue Apa – che dopo una privatizzazione già conclusa de facto nell’agosto del 2012 con un fondo svedese, saltata in extremis poiché un solerte funzionario del ministero denunciò l’assenza di un fantomatico documento a passaggio praticamente già acquisito, facendo ritirare gli investitori, oggi siamo nuovamente alle prese con cavilli burocratici. La Piaggio è in grado di rispondere pienamente alle esigenze di mercato, ma il mercato non aspetterà all’infinito. Il governo dia il via libera al terzo bando di gara, non si impantani su fantasiose sostituzioni e restituisca futuro a un’azienda fondamentale per la Liguria e per il Paese», conclude.

Intanto è di ieri la notizia della revoca dei 3,1 milioni di contributo Por Fesr a Piaggio Aerospace. Il consigliere regionale Roberto Arboscello ha fatto sapere che chiederà oggi l’audizione del vicepresidente e assessore ai programmi comunitari Alessandro Piana e dei rappresentanti dell’azienda, per fare chiarezza sulle tappe che hanno portato al decreto dirigenziale. «Quei fondi europei sono importanti per la ricerca e l’innovazione e quindi strategici per una realtà che, in attesa dell’esito del terzo bando, ha necessità di continuare a essere competitiva in un mercato altamente tecnologico come quello dell’aerospazio», ha sottolineato il consigliere Pd.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here