Genova prima città a sperimentare il sistema di illuminazione pedonale Lightguard

Il primo sito in cui si sperimenterà il sistema è in via Torti a cui ne seguirà un altro, ad aprile, in via Fieschi

Genova prima città a sperimentare il sistema di illuminazione pedonale Lightguard

«Con il benestare del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Genova sarà la prima città italiana a sperimentare l’innovativo sistema di attraversamento pedonale “Lightguard”. Utilizzato negli Stati Uniti e in alcuni aeroporti, questo apparato ha caratteristiche potenziate e dinamiche che, nel momento in cui un pedone si immette sulle strisce, attiva delle luci che rendono evidente la situazione determinando una maggiore attenzione in chi sta guidando».

Lo ha annunciato l’assessore ai Trasporti e Mobilità integrata del Comune di Genova, Matteo Campora, durante il consiglio comunale che si è svolto ieri: «Al primo sito che sarà in via Torti, ne seguirà un altro ad aprile in via Fieschi all’altezza dell’ingresso della Regione. Se la sperimentazione darà buoni frutti questo sistema verrà utilizzato anche in altre parti della città».

Il nuovo sistema è particolarmente utile nelle zone d’ombra cittadine, in cui l’illuminazione pubblica non è abbastanza presente. Rilevando il movimento dei pedoni a ridosso dell’attraversamento, Lightguard attiva automaticamente l’accensione di led sulle strisce pedonali e di un’illuminazione dall’alto, rendendo l’area più visibile ai guidatori.

«In questi anni abbiamo investito molto per implementare il numero di attraversamenti pedonali potenziati, in particolare quelli situati in ambiti sensibili come le aree nei pressi delle scuole. Abbiamo proceduto attraverso l’apposizione di segnaletica verticale, disegnando sull’asfalto triangoli rossi o strisce pedonali bianche e rosse e installando pali per illuminare dall’alto l’area di attraversamento per mantenere un’alta visibilità anche di notte», ha aggiunto l’assessore.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here