Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiom Cgil e SlA Cisal denunciano Autostrade all’Ispettorato del Lavoro

« Antepone il profitto alla sicurezza»

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Sla Cisal annunciano in una nota che denunciano Autostrade, contestando la decisione dell’azienda «di privilegiare il contenimento dei costi aziendali mettendo in secondo piano la sicurezza dei clienti della rete autostradale e degli operatori. Così facendo Autostrade per L’Italia antepone il profitto alla sicurezza, viola le intese territoriali e nazionali anche rispetto agli impegni assunti di incrementare gli orari per i contratti part time, privilegiando il non rispetto dei riposi di legge. Per questa ragione abbiamo presentato denuncia all’Ispettorato del Lavoro».

Nella giornata di martedì 31 gennaio 2023, si è svolto l’incontro contro tra sindacati e Autostrade per L’Italia presso la sede di Confindustria  a Genova “per le procedure di raffreddamento aperte a causa delle scelte aziendali di non voler concretizzare gli accordi territoriali e nazionali, dove prevede l’implementazione di modalità di pagamento con casse automatiche, accessibili a tutta la clientela, garantendo una maggiore scorrevolezza in uscita dai caselli autostradali”, si legge nella nota di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Sla Cisal.

“Nella denuncia – spiegano i sindacati –  abbiamo segnalato richieste di prestazioni mensili oltre le 48 ore settimanali a copertura dei livelli di servizio delle stazioni autostradali e dei livelli della Sala Radio e del Supporto logistico Esazione, mancata fruizione delle 11 ore di riposo giornaliero, mancanza di fruizione del riposo di 35 ore settimanali, utilizzo improprio del Part-Time oltre le 160 ore mensili e utilizzo improprio dei contratti stagionali con 25 prestazioni mensili: “Il sindacato purtroppo ha dovuto registrare un atteggiamento di totale indifferenza da parte aziendale nonostante gli addetti del tronco autostradale genovese abbiano sempre dimostrato estrema disponibilità e attaccamento all’azienda anche nei momenti peggiori seguiti dal crollo del ponte Morandi. Nei prossimi giorni verrà valutata la possibilità di mettere in campo le mobilitazioni necessarie ad ottenere risposte adeguate alla garanzia della sicurezza del servizio e della qualità del lavoro degli addetti di ASpI 1° tronco Genova”. Le segreterie territoriali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Sla-Cisal, rappresentate da Walter Noris, Raffaele Lupia, Silvana Comanducci, Piergiorgio Brigati, con le rispettive RSA aziendali si accingono quindi ad attivare le azioni conseguenti a tutela della sicurezza e della dignità dei lavoratori del primo tronco di Autostrade per l’italia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here