Andersen Festival finanziato dal Fus come Festival multidisciplinare di rilievo nazionale

Ammesso inoltre al sostegno del ministero della Cultura per Boarding Pass Plus 22-24

Andersen Festival finanziato dal Fus come Festival multidisciplinare di rilievo nazionale

Il ministero della Cultura premia l’Andersen Festival di Sestri Levante. La manifestazione è stata inserita nei Festival multidisciplinari di rilievo nazionale finanziati dal Fondo Unico per lo Spettacolo.

Il 2022 ha rappresentato per Andersen Festival l’inizio di un nuovo percorso, con l’organizzazione curata esclusivamente da Mediaterraneo Servizi: la manifestazione è diventata a tutti gli effetti un festival multidisciplinare offrendo al pubblico dieci giorni di eventi con un totale di circa 15 mila spettatori: spettacoli di teatro, musica, narrazione, danza, nuovo circo con proposte sia per adulti sia per bambini e ragazzi. In questa nuova forma l’Andersen Festival è stato ammesso per il triennio 2022-2024 al sostegno del ministero della Cultura come Festival multidisciplinare “Prime istanze triennali” del Fondo Unico per lo Spettacolo.

Maria Elisa Bixio, assessore alla cultura di Sestri Levante, dichiara: «L’Andersen Festival si riconferma come una manifestazione di grande spessore: uno straordinario contenitore che accoglie svariate discipline artistiche per raccontare sogni, magie e per sollecitare confronti. Sarà ancora, con maggiore forza e prospettiva, l’occasione per conoscere grandi artisti nazionali e internazionali e conferire a questo prezioso progetto culturale una programmazione sempre più importante e di qualità».

Marcello Massucco, amministratore unico di Mediaterraneo Servizi, aggiunge: «Sono poche decine in Italia le rassegne multidisciplinari finanziate dal ministero della Cultura, alcune di queste di grande rilievo internazionale. Essere entrati in una graduatoria che è costruita seguendo elevati standard e parametri qualitativi è il raggiungimento di un obiettivo che ha guidato il nostro operato da quando abbiamo rilevato la guida del principale evento cittadino. In questi giorni stiamo costruendo la programmazione del Festival 2023, ancora più ricco e vario grazie al contributo del Fondo Unico per lo Spettacolo».

Andersen Festival di Sestri Levante nasce nel 1998 come complemento spettacolare del celebre premio letterario Premio Andersen-Baia delle Favole, dedicato alla fiaba inedita, e da 26 anni rappresenta un appuntamento fisso del palinsesto sestrese. Promosso dal Comune di Sestri Levante e organizzato dalla società in-house Mediaterraneo Servizi, la rassegna continua il percorso di ampliamento temporale e di spazi: un percorso di eventi che si amplierà a dieci giorni e che esce dal centro storico per raggiungere anche altre zone della città valorizzandole e promuovendole.

Sempre per il triennio 2022-2024 Andersen Festival è stato ammesso inoltre al sostegno del ministero della Cultura per Boarding Pass Plus 22-24, specifico bando volto alla circuitazione internazionale degli artisti grazie al progetto Transtronics a cura di Forevergreen Associazione Impresa Sociale che si prefigge di indagare a livello internazionale come la musica elettronica possa contribuire all’implementazione di approcci, attività e produzioni culturali. Obiettivo a medio termine di Transtronics è la creazione di un network istituzionale che veda coinvolti alcuni festival europei di eccellenza, con un focus iniziale in aree riconosciute storicamente come all’avanguardia per questo ambito di ricerca: Germania, Olanda e Italia. I partner creativi e operativi del progetto sono: Transmediale Festival di Berlino, Spielart Festival di Monaco di Baviera, Fringe Festival di Amsterdam, Andersen Festival di Sestri Levante.

Marina Petrillo, direttrice artistica di Andersen Festival spiega: «Aggiudicarsi anche il Boarding Pass Plus è un ulteriore passo verso un nuovo percorso di Andersen Festival che ci consentirà di dare slancio al processo di internazionalizzazione della manifestazione  grazie alla formazione ed al consolidamento di reti nazionali e internazionali tra artisti e professionisti dello spettacolo».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here