Adeguamento Stadio Picco alla Spezia, la Regione firma il patto per il finanziamento

Il finanziamento sarà approvato dalla giunta a fine febbraio. Per ora lo Spezia gioca al Picco grazie a una deroga della Lega

Adeguamento Stadio Picco alla Spezia, la Regione firma il patto per il finanziamento

«Siamo pronti a dare una mano al Comune della Spezia per finanziare un’opera di cui la città ha indubbiamente bisogno ed è compito della Regione aiutare i club liguri a giocare in stadi moderni, sicuri, belli e accoglienti. Un progetto che nasce anche dall’esigenza di adeguare lo stadio agli standard e ai requisiti previsti dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A, secondo i criteri infrastrutturali e norme programmatiche, uscendo così definitivamente dall’obbligo di ottenere annualmente la deroga da parte della Lega».

Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, prsente con l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, presenti ieri allo stadio Picco in occasione della partita tra Spezia-Juventus per sancire il patto per il finanziamento che sarà approvato dalla giunta a fine febbraio tra Regione Liguria, il presidente dello Spezia Calcio Philip Raymond Platek Jr e il sindaco della città Pierluigi Peracchini. Finanziamento che permetterà di adeguare l’impianto agli standard e ai requisiti richiesti dalla Lega Nazionale Professionisti di Serie A.

Allo stadio Picco presente anche un corner di Regione Liguria con i prodotti tipici del territorio.

«La valorizzazione della Liguria passa anche attraverso iniziative che possano dare visibilità al nostro bellissimo territorio − spiega ancora Toti − il marchio LaMiaLiguria impresso sulle maglie dello Spezia è stato visto non solo dagli spettatori presenti allo stadio ma da circa un milione di tifosi che, attraverso i canali tv e web, si sono collegati da tutto il mondo per assistere al match. Lo sport così come lo spettacolo, con lo spot andato in onda anche durante l’ultima edizione del Festival di Sanremo, sono un canale fondamentale che continueremo ad utilizzare anche in futuro per promuovere la nostra Liguria e il record di turisti che abbiamo registrato lo scorso anno e in questi primi mesi invernali ci conferma che stiamo percorrendo una strada vincente».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here