Nuovo Psr, Coldiretti Liguria incontra la Regione: “Serve maggiore sinergia”

La futura programmazione prevede l'adozione di 48 interventi con il relativo piano finanziario

Nuovo Psr, Coldiretti Liguria incontra la Regione: “Serve maggiore sinergia”

Coldiretti Liguria ha incontrato il vicepresidente e assessore all’Agricoltura Alessandro Piana, il responsabile del settore Politiche agricole Riccardo Jannone e il vicedirettore generale del dipartimento di Agricoltura Federico Marenco, durante il quale sono state discusse diverse difficoltà relative alle ultime misure del Psr in chiusura e altre questioni che, all’alba di un momento di fondamentale importanza quale è la nuova programmazione Psr 2023/2027, Coldiretti Liguria ritiene opportuno approfondire con l’ente Regione, in modo tale da poter lavorare in maniera sinergica e ottimale nel prossimo futuro per il bene delle aziende e di tutto il territorio ligure.

«È importante quanto emerso durante l’incontro di questa mattina – affermano in una nota congiunta Gianluca Boeri e Bruno Rivarossa, presidente di Coldiretti Liguria e delegato confederale, supportati nell’incontro dalla responsabile regionale del Caa, Gabriella Fenoggio – in occasione del quale abbiamo sottoposto alla Regione Liguria la necessità di una maggiore interazione con Regione Liguria nella stesura dei bandi e di un reale e forte coinvolgimento prima della loro pubblicazione, per concretizzare in maniera proficua e ottimale per le nostre aziende quelli che saranno gli obiettivi delle politiche agricole regionali del prossimo futuro. Pur ammettendo alcuni problemi di carattere organizzativo intrinseci all’ente regionale, che negli ultimi tempi hanno causato non pochi disagi ai nostri associati e al territorio, la Regione non ha altresì mancato di rendersi disponibile a lavorare per la risoluzione tempestiva di tali lacune».

Dalla presentazione della futura programmazione, che prevede l’adozione di 48 interventi con il relativo piano finanziario, riteniamo «improcrastinabile una forma di maggior sinergia – continuano Boeri e Rivarossa – al fine di cogliere al meglio le risorse europee sul territorio ligure, così da poter accelerare il concetto imprenditoriale in Liguria e da non incorrere nel rischio di restituzione. Abbiamo pertanto richiesto alla Regione anche una serie di incontri futuri, per approfondirne le scelte politiche al fine di poterle valutare tempestivamente. La risposta dell’ente in questo senso è stata pienamente collaborativa, e di questo, auspicando chiaramente in un’effettiva concretizzazione di quanto emerso in tal sede, non possiamo che prendere positivamente atto».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.