Al termine della scorsa settimana si è riunito per la prima volta alla Spezia l’organismo di tutela del marchio Miglio Blu – La Spezia Nautical District.

Si tratta del soggetto deputato a valutare e deliberare in merito alle domande di richiesta di concessione d’uso del marchio e vigilare sul suo corretto uso da parte dei licenziatari, segnalando e sanzionando eventuali inadempienze e abusi.

I soggetti designati a farne parte sono Mario Sommariva presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, Stefano Spinelli in rappresentanza della Camera di Commercio Riviere di Liguria, Francesca Moriconi per la Cna La Spezia, Enrico Taponecco per Confartigianato La Spezia e Luca Cardini in rappresentanza Confindustria La Spezia. Per il Comune della Spezia il soggetto designato è il dirigente dello sviluppo economico, Rosanna Ghirri, sostituita per la seduta di ieri, dal funzionario Maria Elena Casentini.

Nel corso dell’incontro di venerdì 18 novembre sono stati eletti il presidente dell’organismo Stefano Spinelli, e il vicepresidente Luca Cardini.

È stato inoltre approvato il regolamento di funzionamento dell’organismo stesso e un modello per la richiesta di utilizzo del marchio.

«Le mie congratulazioni al dott. Spinelli e al dott. Cardini per il loro nuovo incarico − dichiara il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini − il miglio blu è un progetto di punta per questa amministrazione che vedrà una sempre maggiore valorizzazione nei prossimi mesi e anni. Il settore della blue economy è strategico ed è uno dei motori dello sviluppo della città, per questo dobbiamo promuovere un marchio che valorizzerà non solo  il comparto ma tutto il territorio».

Ripartono così le attività operative del Miglio Blu e sarà possibile per le aziende avviare iter per la richiesta di utilizzo del marchio.

In primis, a utilizzarlo, saranno proprio i grandi cantieri del territorio, sottoscrittori del Protocollo Miglio Blu nel 2020 e che già lo avevano condiviso collaborando nella scelta.

Il marchio faciliterà l’individuazione di un’immagine comune del settore nautico nel territorio della Spezia, un brand territoriale collegato al Miglio Blu che permetterà una riconoscibilità della città come città della nautica, valorizzando le qualità di un territorio che naturalmente risponde a questa vocazione.

L’obiettivo è realizzare un distretto nautico riconosciuto a livello internazionale, consapevoli delle oltre 3 mila aziende con 12 mila e 600 occupati che lavorano nel settore della blue economy e che fanno del territorio spezzino un centro specializzato nella nautica, nella costruzione di yacht, nel refitting e repair e nella nautica da diporto.

Aver messo insieme gli interventi infrastrutturali alla creazione di un distretto della formazione in grado di valorizzare i poli di ricerca internazionali, il campus universitario della Spezia, l’alta formazione specialistica, il Dltm, il settore della sicurezza e della Difesa, il porto turistico di riferimento per armatori e equipaggi, è il punto di forza del Miglio Blu.

«La convocazione dell’organismo di tutela – ha dichiarato l’assessore Patrizia Saccone  − segue le riunioni dei mesi scorsi che hanno visto la ripartenza dei tavoli di lavoro operativi del progetto che porteranno all’avvio di attività rilevanti nei prossimi mesi, nella consapevolezza che la nostra città, per prima, deve essere consapevole dell’enorme potenziale che abbiamo a disposizione».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.