Infortuni sul lavoro, Cgil su dati Inail: in Liguria +61,2% nei primi 9 mesi dell’anno

Le denunce di infortunio tra il 1° gennaio ed il 30 settembre sono state 21.862, in aumento di 8.302 unità. In calo quelle con esito mortale (da 21 a 11)

Infortuni sul lavoro, Cgil su dati Inail: in Liguria +61,2% nei primi 9 mesi dell’anno

Gli infortuni sul lavoro in Liguria sono cresciuti del 61,2% nei primi 9 mesi del 2022 rispetto allo stesso periodo 2021. A dirlo sono le elaborazioni dell’ufficio economico Cgil Genova e Liguria sui dati Inail: le denunce di infortunio tra il 1° gennaio ed il 30 settembre sono state 21.862, in aumento di 8.302 unità rispetto al corrispettivo periodo del 2021.

«Senza risorse dedicate alla salute e sicurezza sul lavoro i dati continueranno a crescere – commenta Maurizio Calà segretario generale Cgil Liguria – è necessario che lo Stato potenzi gli strumenti di vigilanza e quelli della prevenzione a partire dalla formazione che deve entrare già nei programmi scolastici affinché non sia solo una conoscenza di norme ma si concretizzi il valore e il rispetto della vita umana. È indispensabile anche il rafforzamento dei controlli da parte di Inl, Asl, Inail e Inps e su questo flagello è necessario un cambio di passo e l’appello sottoscritto da Cgil Cisl Uil in occasione della settimana della sicurezza va proprio in questo senso: la salute e la sicurezza sul lavoro riguarda la vita delle persone, la loro dignità, i diritti fondamentali».

La Liguria ha l’aumento in percentuale rispetto all’anno scorso (+61,2%) superiore alla media di tutte le altre regioni del Nord-Ovest (Val d’Aosta +39,3%, Piemonte +42,3%, Lombardia +38,6%) e anche alla media nazionale (536.002 denunce +35,2% sul gennaio – settembre 2021).

I settori più interessati sono quelli dell’industria e servizi (19.588 denunce in aumento del 62,7% sull’anno precedente) seguiti da quelli per conto dello Stato (1.950 per un aumento del 67,1%). In forte aumento anche quei settori produttivi nei quali l’attività e/o l’intensità lavorativa è stata molto maggiore rispetto all’anno scorso e cioè commercio +138%, alloggio e ristorazione +67,3%, trasporti e logistica +35,4%.

In calo da 21 a 11 (-47,6%) i casi di denunce di infortunio con esito mortale rispetto al 2021.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.