Chiusura sulla parità per la Borsa di Milano con il Ftse Mib che si attesta sul -0,04% (24.581 punti). L’All-Share ha terminato a +0,08% (26.609 punti). Più baldanzoso il Ftse Italia Growth a +1,05% (9.386 punti).

Nel listino principale guadagnano Saipem (+4,88%), Cnh Industrial (+3,2%) e Prysmian (+2,27%). In calo Tenaris (-2,27%) e A2a (-1,92%).

Le Borse europee chiudono in rialzo, in vista delle minute della Fed che forniranno indicazioni sul fronte della politica monetaria. Sotto i riflettori anche le materie prime con il gas che torna a rialzare la testa e il petrolio in netto calo. Positive Londra (+0,17%) e Parigi (+0,32%), piatta Francoforte (+0,04%).

Per quanto riguarda il prezzo del petrolio, il contratto consegna gennaio sul Brent scende del 4,32% a 84,54 dollari al barile e quello di pari scadenza sul Wti del 4,63% a 77,2 dollari al barile, che paga i timori per l’andamento dell’economia cinese, l’immininente introduzione di un tetto al prezzo del petrolio russo, prevista il 5 dicembre, e l’aumento delle scorte statunitensi di benzina e di distillati.

In rialzo il cambio tra euro e dollaro: 1,03603 (+0,54%).

In discesa lo spread tra Btp decennale italiano e corrispondente Bund tedesco diminuisce a 180 punti (-6,61%). Il rendimento è a +3,78%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.