Dopo che nel corso del 2022 Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno inviato invano diverse richieste di un incontro con Amazon, i sindacati aprono lo stato di agitazione e mobilitazione, “nella consapevolezza − si legge in una nota − che il Black Friday del 2022 sarà l’occasione per fare sentire ancora più forte il grido d’allarme dei lavoratori ormai esasperati”.

Tra le problematiche che i sindacati segnalano: i carichi di lavoro eccessivi e turni di lavoro inconciliabili con la vita privata dei dipendenti. Inoltre, le rappresentanze sindacali aziendali, senza l’ausilio delle segreterie, “vengono coinvolte con tentativi beffardi al fine di impostare dei turni che non farebbero altro che aggravare la sempre più precaria situazione lavorativa del personale addetto, mentre ogni qualvolta un lavoratore prova a far sentire le proprie ragioni ai responsabili all’interno della filiale, diventa oggetto di contestazioni disciplinari e provvedimenti lesivi alla dignità degli stessi, addirittura con velate minacce, in quanto a tutto il personale assunto con contratto a tempo determinato verrebbe paventato l’eventuale non rinnovo al termine di scadenza contrattuale”.

Per questo Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno comunicato l’immediata apertura dello stato di agitazione di tutto il personale addetto, che sfocerà in uno sciopero e mobilitazione al primo cenno di azione unilaterale della società, di ritorsioni nei confronti dei dipendenti Amazon, senza ulteriori comunicazioni.

Tutti i lavoratori e le segreterie sindacali potranno effettuare conseguenti iniziative di sciopero, con presidi davanti ai cancelli del sito Amazon di Genova Campi, senza dover effettuare alcuna ulteriore comunicazione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.