Agricoltura e pesca, Coldiretti: «Nella legge di bilancio interessanti novità per il settore»

Dalpian: «Punto forte della manovra agricola è il fondo per la sovranità alimentare finalizzato a rafforzare il sistema agricolo e agroalimentare»

Agricoltura e pesca, Coldiretti: «Nella legge di bilancio interessanti novità per il settore»

Coldiretti accoglie positivamente alcuni dei provvedimenti introdotti nella legge di bilancio che riguardano direttamente il settore agricolo e la pesca. Dall’esenzione Irpef all’azzeramento dei contributi per i giovani imprenditori agricoli. Dal credito d’imposta esteso al primo trimestre 2023 contro il caro energia alle risorse per la sovranità alimentare. Dai buoni lavoro per semplificare le assunzioni al fondo per l’innovazione e la digitalizzazione, fino ad arrivare ai contributi per il fermo pesca.

«Punto forte della manovra agricola – spiegano Luca Dalpian e Paolo Campocci, presidente e direttore di Coldiretti Genova – è il fondo per la sovranità alimentare finalizzato a rafforzare il sistema agricolo e agroalimentare anche attraverso interventi volti a valorizzare il cibo italiano di qualità, ridurre i costi di produzione per le imprese agricole, sostenere le filiere e garantire la sicurezza delle scorte e degli approvvigionamenti alimentari in caso di crisi di mercato. Finalità, queste, per le quali sono stati stanziati 100 milioni di euro per il triennio 2023-2025».

Oltre a ciò, vi è un budget di 225 milioni di euro messo a disposizione di progetti di innovazione, mentre per il 2023 viene istituito un fondo di 500 milioni per sostenere gli acquisti di prodotti alimentari di prima necessità, destinato ai soggetti con Isee non superiore a 15 mila euro.

«Contro il caro energia – continuano Dalpian e Campocci – viene riconosciuto per il primo trimestre 2023 un credito d’imposta in favore delle imprese agricole, della pesca e per i contoterzisti pari al 20% della spesa sostenuta per l’acquisto del carburante per la trazione dei mezzi utilizzati. Credito d’imposta riconosciuto anche per la spesa sostenuta per l’acquisto del gasolio e della benzina utilizzati per il riscaldamento delle serre e dei fabbricati produttivi adibiti all’allevamento degli animali».

Per aiutare i giovani e il ricambio generazionale in agricoltura, inoltre, è previsto per il 2023 “l’esonero contributivo, per un periodo massimo di ventiquattro mesi, in favore dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali con età inferiore a 40 anni che si insediano per la prima volta in agricoltura tra il 1° gennaio 2023 e il 31 dicembre 2023”.

Con la manovra presentata nei giorni scorsi dal Governo Meloni, inoltre, dal 1° gennaio 2023 tornano i buoni lavoro nei campi. Si tratta di un ticket dal valore nominale di 10 euro lordi all’ora (7,50 euro netti) e un tetto di reddito per i lavoratori che arriva fino a 10 mila euro l’anno.

«Un buon risultato per il lavoro in campagna – commentano ancora il presidente e il direttore di Coldiretti Genova – dove occorre puntare sulla sburocratizzazione attraverso il confronto con le istituzioni e i sindacati».

Alle imprese della pesca, infine, viene riconosciuta “un’indennità onnicomprensiva, pari a 30 euro per l’anno 2023, per ciascun dipendente, compresi i soci lavoratori delle cooperative della piccola pesca in caso di sospensione dal lavoro derivante sia da misure di arresto temporaneo obbligatorio che di arresto temporaneo non obbligatorio, nel limite di 30 milioni di euro per l’anno 2023”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.