Dall’Iit arriva il sensore commestibile che rileva lo scongelamento dei cibi

Il prototipo può aprire la strada a una tecnologia sicura ed economica per rilevare anomalie nella catena del freddo di cibi e medicinali

Dall’Iit arriva il sensore commestibile che rileva lo scongelamento dei cibi

Un sensore autoalimentato e commestibile per lo scongelamento, che potrà rilevare se un alimento si scongela inavvertitamente o se si è ricongelato. Il dispositivo è stato sviluppato dai ricercatori del Center for Nano Science and Technology dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

Il prototipo, descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Acs Sensors, è stato realizzato con acqua, sale da cucina e altri minerali disciolti, in questo modo risulta totalmente commestibile e non rischia di modificare in alcun modo l’alimento con il quale potrebbe essere posto in contatto.

Tale dispositivo per il suo funzionamento sfrutta le innate proprietà elettroniche di liquidi e sali di cui è composto: è costituto da un blocco di cera d’api che contiene una cella galvanica, che genera una corrente elettrica quando viene scongelata, e un sistema indicatore colorimetrico, basato sul succo di cavolo rosso, che cambia colore irreversibilmente  – dal viola al blu − quando la cella galvanica produce corrente.

Grazie a questa tecnologia si potrebbe segnalare quando un alimento si scongela per un errore imprevisto che si potrebbe verificare nella filiera che dal produttore arriva al consumatore. Inoltre anche in caso l’alimento venisse parzialmente scongelato e ricongelato il sistema potrebbe comunicarlo al grossista o al consumatore. La temperatura alla quale il sensore reagisce, infatti, può essere regolata tra 0 e meno 50°C variando i sali o la loro concentrazione in acqua all’interno dello stesso.

«Il team di ricerca che guido qui a Milano si occupa in generale di tecnologie che stanno cambiando il modo in cui oggi intendiamo i dispositivi elettronici − commenta Mario Caironi, responsabile della linea di ricerca Printed and Molecular Electronics di Iit −. Realizzare prototipi che non necessitano di alimentazione e sono completamente commestibili e biodegradibili, e quindi sostenibili, può davvero migliorare la vita delle persone. La sicurezza alimentare è senza dubbio uno degli ambiti in cui queste tecnologie possono fare la differenza».

Il team di ricercatori e le ricercatrici, coordinato da Mario Caironi, al centro Iit di Milano credono che questo risultato possa aprire la strada a una tecnologia sicura ed economica da utilizzare ampiamente nella catena del freddo di cibo e medicinali, riducendo gli sprechi e migliorando la sicurezza. Lo studio è stato sostenuto da un finanziamento dell’European Research Council.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here