Racing Force: nel I semestre crescono ricavi (+34,7%) e utile netto (+92,6%)

L'aumento delle vendite ha interessato tutte le categorie di prodotto, in modo particolare l'abbigliamento pilota, i caschi e i sistemi di comunicazione

Racing Force: nel I semestre crescono ricavi (+34,7%) e utile netto (+92,6%)

Ricavi in crescita del 34,7%utile netto quasi raddoppiato rispetto al primo semestre del 2021. È quanto emerge dal progetto di bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2022 di Racing Force, approvato dal cda.

«I risultati record registrati sono il frutto del duro lavoro svolto nel mercato del Motorsport, dove ormai abbiamo una leadership assoluta, e si riflettono in tutte le categorie di prodotto e in tutte le aree geografiche, a dimostrazione della qualità della nostra offerta − commenta Paolo Delprato, presidente e ceo di Racing Force Group −. Tali risultati sono stati raggiunti grazie agli sforzi, all’impegno e alla passione di tutte le donne e gli uomini del nostro Gruppo, a cui va il mio più grande ringraziamento. Il percorso tracciato da Racing Force è molto positivo, anche se il panorama politico ed economico internazionale è decisamente incerto, per cui occorre massima cautela. Tuttavia, il recente ingresso sul mercato di Parigi e il concretizzarsi dei nostri programmi di diversificazione confermano le positive prospettive per il nostro futuro, anche a medio termine, confermando la nostra strategia di internazionalizzazione volta a sfruttare appieno il potenziale dei nostri brand e dei mercati in cui operiamo».

Sintesi dei risultati del gruppo al 30 giugno 2022

I ricavi del Gruppo si attestano a 33,6 milioni di euro, in significativa crescita rispetto al primo semestre 2021 (+34,7%). L’incremento ha caratterizzato tutte le aree geografiche in cui Racing Force opera, con un forte aumento in tutte le principali categorie di prodotto, grazie alle sinergie tra i brand del gruppo.

L’ebitda è pari a 9,3 milioni di euro (Ebitda margin 27,8%), in sensibile aumento rispetto al primo semestre 2021, dove si attestava a 6 milioni di euro (Ebitda margin 24%), grazie all’aumento dell’efficienza derivante dai maggiori volumi di produzione e alla composizione del mix di prodotto.

L’ebit è pari a 8,1 milioni di euro (24,1% ebit margin), in crescita rispetto al primo semestre 2021 (4,9 milioni di euro, 19,6% ebit margin).

Il risultato netto è pari a 6,9 milioni di euro (20,7% dei ricavi), in crescita rispetto al primo semestre 2021 del +92,6% (3,6 milioni di euro, 14,4% dei ricavi).

La posizione finanziaria netta di gruppo passa da un debito netto di 0,7 milioni di euro a fine 2021, a un saldo positivo di 0,1 milioni di euro al 30 giugno 2022, grazie alla liquidità generata nell’esercizio dalla gestione operativa, al netto degli investimenti  del semestre.

L’aumento delle vendite nel corso del semestre ha interessato tutte le categorie di prodotto e, in modo particolare, i segmenti dell’abbigliamento pilota, i caschi e i sistemi di comunicazione, caratterizzati da una marginalità media superiore a quella degli altri prodotti, consentendo di realizzare un margine di contribuzione superiore a quello del primo semestre 2021.

L’incremento della marginalità operativa è riconducibile in via principale all’aumento dell’efficienza legato ai maggiori volumi di produzione e fatturato, superiore agli incrementi registrati nei costi a seguito dei rincari negli approvvigionamenti e nei trasporti, oltre che alla diversa composizione del mix di prodotto.

La struttura del capitale è tale da permettere di investire nel prossimo futuro per sostenere ulteriormente il piano di crescita del gruppo, sia all’interno del motorsport sia nell’ambio di progetti di diversificazione avviati, tra cui il recente accordo con Lift Airbone Technologies per la fornitura delle calotte in carbonio dei caschi per United States Air Force.

Da ieri Racing Force è quotata sul mercato di Parigi, portando a compimento il progetto di dual listing.