Peste suina, Coldiretti: «Cacciatori liguri si rifiutano di abbattere cinghiali»

«Se i cacciatori si rifiutano confermano l'ipotesi di interessi economici che vanno ben oltre il concetto di caccia sportiva»

Peste suina, Coldiretti: «Cacciatori liguri si rifiutano di abbattere cinghiali»

«Nonostante la normativa regionale e le indicazioni ministeriali i cacciatori di 36 squadre dell’Atc1 Savona-Levante si rifiutano di abbattere i cinghiali, dal momento che, a causa dell’epidemia della peste suina africana, una volta uccisi dovrebbero consegnare gli animali all’Asl2 veterinaria per le analisi del caso».

La denuncia arriva da Gianluca Boeri, presidente di Coldiretti Liguria, e Bruno Rivarossa, delegato confederale, che in passato hanno sollecitato più volte le istituzioni a mettere in pratica tutte le azioni necessarie alla limitazione della diffusione della peste suina africana (psa) in Liguria.

«Tutto questo non è accettabile: la situazione è ormai insostenibile e non è pensabile, a ridosso dell’apertura della stagione venatoria, ritardare ancora l’abbattimento degli ungulati. I cinghiali rappresentano il principale veicolo di diffusione della peste suina africana, con oltre 2,3 milioni di animali che stringono d’assedio città e campagne, da Nord e Sud della penisola. Bloccare in questo modo le operazioni che consentirebbero il contenimento dell’epidemia, limitando altresì l’invasione degli animali e i conseguenti danni alle colture della zona, causerebbe un danno enorme in termini sia economici che di sicurezza».

La stagione di caccia è ormai alle porte: dal prossimo 2 ottobre il Priu − Piano regionale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l’eradicazione della psa − prevede che si potranno abbattere fino a 35.451 cinghiali, vale a dire il 180% di quanto fatto nell’ultimo anno.

Boeri e Rivarossa spiegano la situazione: «All’interno della nota del 12 settembre, il ministero della Salute – nell’ambito di un aggiornamento della situazione epidemiologica e normativa della psa in Italia – ha caldamente invitato la nostra Regione ad “attuare quanto prima le misure previste dal piano integrato di eradicazione, trasmettendo altresì alla Commissione europea l’integrazione del Piano di sorveglianza nazionale psa 2021/2022” per quanto riguarda le misure di eradicazione in Liguria e nel limitrofo Piemonte per il 2022».

«Se i cacciatori si rifiutano in tal modo di mettere in atto gli abbattimenti, opponendosi allo svolgimento di attività fondamentali per la sicurezza di cittadini, agricoltori e allevatori della Liguria – concludono Boeri e Rivarossa – rischiano di confermare l’ipotesi di interessi economici che vanno ben oltre il concetto di caccia sportiva. Le istituzioni devono prenderne atto, e comunque trovare una via alternativa per portare a termine le operazioni, anche mettendo in campo l’esercito se necessario. Il territorio deve essere tutelato e messo in sicurezza: è fondamentale che le disposizioni ministeriali vengano rispettate nell’interesse di tutta la comunità, e nessuno può arrogarsi il diritto di rallentare tali operazioni».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.