Da oggi in tutti gli ipermercati Coop della Liguria ci sarà la Focaccia di San Giorgio, un prodotto “100% made Zena”, nato per diventare bandiera della Liguria nel mondo.

Il progetto, ideato dall’associazione culturale Genova World e sostenuto dal Comune di Genova e dalla Regione Liguria, è realizzato con tutte le migliori eccellenze della gastronomia ligure: prima di tutto la focaccia e poi la prescinsêua, le olive taggiasche, le patate, le acciughe sott’olio e l’origano.

La ricetta della Focaccia di San Giorgio, che si chiama così in omaggio alla bandiera con la croce rossa in campo bianco che è uno dei principali simboli di Genova e della Liguria, è stata messa a punto da Umberto Curti, direttore scientifico di Genova World − esperto di marketing turistico e dell’enogastronomia locale e autore della piattaforma Ligucibario − con l’intento di racchiudere in un solo prodotto i migliori sapori della regione.

Al progetto ha aderito anche Latte Tigullio, storico marchio ligure produttore di prescinsêua.

«L’obiettivo – spiega Curti – è promuovere Genova quale “capitale” della gastronomia mediterranea, attraverso una focaccia che sia il brand identificativo di una città da conoscere, da gustare, con cui interagire. In un tempo nel quale si accenna tanto al genius loci (e dunque al cibus loci…), mi piace l’idea di un claim “Genova genius cibi”. La ricetta è a disposizione di chiunque la voglia utilizzare – panificatori e pizzaioli, ristoranti, sciamadde, winebar, agriturismi, food trucks – che possono produrla semplicemente firmando un protocollo d’intesa con Genova World, così come ha fatto Coop Liguria per proporla nei suoi ipermercati. Più esercizi la realizzeranno più si rafforzerà l’idea di farne una vera e propria “ambasciatrice” di Genova e della Liguria, raggiungendo turisti, crocieristi, giornalisti, foodbloggers, appassionati, scolaresche, che potranno poi contribuire alla diffusione dell’iniziativa».

«Unire un’icona della nostra tavola, com’è la focaccia, con un altrettanto identitario simbolo della tradizione genovese, com’è la bandiera di San Giorgio, è un’operazione non solo di marketing territoriale, ma di valorizzazione dei prodotti enogastronomici che la nostra regione può offrire, che ben si affianca al piano delle iniziative promozionali regionali − spiega l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Liguria Andrea Benveduti – Genova nel mondo è conosciuta, apprezzata e amata anche per il suo valore enogastronomico. Per le tradizioni che in esso sono racchiuse, per i prodotti di un territorio storicamente aspro e da sempre difficile da coltivare, stretto tra i monti e il mare; addirittura povero nelle sue materie prime ma che nei secoli ha saputo valorizzare in maniera straordinaria ciò che ha ed elaborarlo, diventando con prodotti come la focaccia o il pesto una eccellenza della cucina italiana. Valorizzare, come ha deciso di fare Coop Liguria, chi continua a scommettere sulla nostra città e sulla nostra regione, impegnandosi in arti che apparentemente potrebbero non appartenere più alle nuove generazioni, è un gesto di vicinanza a Genova e alla Liguria, oltre che una vincente intuizione imprenditoriale».

«Come Coop Liguria – spiega il presidente Roberto Pittalis – abbiamo sostenuto il progetto perché è pienamente in linea con il nostro pluriennale impegno nella valorizzazione del territorio e delle imprese locali, dalle quali il nostro sistema acquista ogni anno prodotti per oltre 130 milioni di euro. Non a caso abbiamo scelto di inserire la focaccia nei nostri ipermercati proprio a partire da oggi, 8 settembre, data di partenza dell’iniziativa “Prodotti in Liguria. Il buono del nostro territorio”, che realizziamo per il quinto anno consecutivo, mettendo in vetrina 115 imprese locali, con le quali collaboriamo da moltissimi anni, rispettando ed evidenziando i loro prodotti. Quest’anno, in aggiunta agli sconti, abbiamo organizzato con alcune di queste imprese un’expo delle eccellenze locali, in programma il 9, 10 e 11 settembre negli spazi dell’ex Mercato di Corso Sardegna, dove i produttori potranno raccontare la propria storia e i propri prodotti. Con lo stesso spirito e nelle stesse date sosteniamo anche l’Expo della Valpolcevera. Per proporre la Focaccia di San Giorgio anche nei nostri supermercati, dove non sono presenti laboratori di forneria, stiamo lavorando con il fornitore Tossini alla messa a punto di un pre-lavorato da completare poi nei negozi».

«Ben 40 anni fa – aggiunge Mario Restano, direttore marketing di Latte Tigullio – l’allora Centro Latte Rapallo ha riproposto al pubblico genovese e non solo la prescisêua, un prodotto tipico del territorio che fino agli anni Settanta era reperibile solo tramite la distribuzione dei pastori locali, oppure con una produzione in autoconsumo. Siamo quindi contenti che il progetto della “Focaccia di San Giorgio” esalti questo nostro prodotto di eccellenza e che lo faccia assieme a Coop Liguria, con la quale collaboriamo da moltissimi anni».

La ricetta della Focaccia di San Giorgio è molto semplice. Si parte dalla realizzazione di una classica focaccia, alla quale in cottura vanno aggiunte le patate tagliate a fettine sottili, dopo averle lasciate in ammollo con il ghiaccio la notte precedente. Una volta uscita dal forno, la focaccia si farcisce in superficie con strisce di prescinsêua precedentemente lavorata con la frusta, da disporre a losanga utilizzando la sac à poche, e con acciughe sott’olio e olive taggiasche sgocciolate. Poi si finisce con una spolverata di origano.

Oltre a omaggiare tutte le aree della Liguria e i suoi prodotti più tipici, la scelta di questi ingredienti mira a realizzare un prodotto buono e bilanciato, che contenga tutti i quattro sapori principali: il dolce delle patate, l’acidulo della prescinsêua, il salato delle acciughe, l’amarognolo delle olive taggiasche e la nota aromatica dell’origano. Per rendere la ricetta fruibile per una platea il più possibile vasta di degustatori, la ricetta è stata messa a punto in collaborazione con l’allergologa Paola Minale, anche lei socia di Genova World.

La ricetta è illustrata in un breve video commentato da Umberto Curti, consultabile sia sul sito di Coop Liguria, sia su quello di Genova World.

 

Un progetto per le scuole

Visto lo storico impegno di Coop Liguria nel proporre alle scuole attività didattiche gratuite sui temi dell’alimentazione, dell’ambiente e della cittadinanza attiva, riunite sotto il cappello Saperecoop, la Cooperativa ha collaborato con Genova World anche all’ideazione del percorso didattico “Banca delle tradizioni – Il viaggio del cibo”, che proporrà ai ragazzi una riflessione sui viaggi compiuti dai cibi per arrivare sulle nostre tavole, compresi quelli di alimenti che oggi sono veri e propri capisaldi della nostra tradizione gastronomica, ma in realtà arrivano da molto lontano. Il percorso sarà inserito tra le proposte didattiche di Coop Liguria per l’anno scolastico 2022/2023, consultabili sul sito.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.