Il Comune della Spezia ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per il nuovo impianto di cremazione del cimitero dei Boschetti.

Il progetto esecutivo, del costo complessivo di 4 milioni di euro, prevede la progettazione, costruzione e gestione economico-funzionale del nuovo tempio crematorio della Spezia ed è stato presentato e aggiornato dall’Ati avente come capogruppo Altair Funeral srl.

Il nuovo impianto sorgerà al cimitero spezzino dei Boschetti e vuole rispondere a una domanda sempre più presente nei cittadini che scelgono in maniera massiccia la cremazione come ultima destinazione dei propri cari (le percentuali si attestano sul 60/70% circa). Il nuovo impianto avrà una potenzialità di cremazione quasi doppia rispetto all’attuale il che consentirà al Comune di rispondere anche a eventuali domande di cremazione dell’area vasta rappresentata da tutti i comuni della provincia e da quelli con essa confinanti.

«Il momento del lutto è molto delicato per tutte le famiglie, e da parte dell’amministrazione c’è sempre stata la volontà di semplificare e snellire tutte le procedure burocratiche per i cittadini, anche in segno di rispetto – dichiara il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini −  la realizzazione del nuovo impianto di cremazione va nel senso di accogliere le richieste dei cittadini che sempre più spesso scelgono questa opzione: nella nuova costruzione, completamente efficientata e ammodernata, sarà prevista anche un luogo di raccoglimento dedicato per i famigliari del defunto».

«L’intervento sostituirà un impianto obsoleto con uno di ultima generazione – dichiara l’assessore alla Sicurezza e ai Servizi cimiteriali Giulio Guerri − che porterà forti miglioramenti dal punto di vista ambientale e da quello dell’impatto architettonico, inserendo in un’area antistante il cimitero una struttura con linee molto pulite, gradevoli e moderne. Verrà prestata attenzione anche al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti di energia auto prodotte. Un miglioramento e un efficientamento notevole si avrà anche rispetto ai servizi resi ai cittadini».

Oltre all’aspetto infrastrutturale saranno migliorati anche i servizi di accoglienza dei familiari che saranno assistiti da personale adeguatamente formato (ci saranno, ad esempio, locali dedicati alla consegna delle ceneri, l’area dedicata alla dispersione delle ceneri, una sala del commiato utilizzabile per ogni tipo di cerimonia con impianto di diffusione). È prevista la realizzazione di un punto ristoro all’entrata principale per l’attesa dei famigliari che potrà essere gradito, ad esempio, a coloro che vengono da fuori città.

L’opera sarà realizzata a completo carico del concessionario (costo complessivo 4.041.712 euro) il quale si impegnerà anche a versare una somma al Comune calibrata sul numero di cremazioni eseguite; le tariffe per i residenti non cresceranno e sarà valutata la proposta di agevolazioni tariffarie a loro dedicate.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.