Guido Michielon nominato direttore di Cardiochirurgia dell’ospedale Gaslini

Michielon, 60 anni, è responsabile del programma di cardiochirurgia neonatale del Royal Brompton Hospital in consorzio con l'Evelina Hospital di Londra

Guido Michielon nominato direttore di Cardiochirurgia dell’ospedale Gaslini

Guido Michielon è il nuovo direttore dell’Unità operativa complessa di Cardiochirurgia del policlinico pediatrico Gaslini di Genova.

Michielon, 60 anni, è attualmente il responsabile del programma di cardiochirurgia neonatale del Royal Brompton Hospital in consorzio con l’Evelina Hospital di Londra, è uno specialista riconosciuto per la cardiochirurgia congenita nella comunità scientifica internazionale, con più di 3.200 interventi chirurgici eseguiti a cuore aperto per le più complesse patologie e procedure e con riconoscimenti per l’attività clinica e di ricerca.

Subentra a Francesco Santoro, che ha diretto il reparto in qualità di facente funzioni, e al quale è andato il plauso e il ringraziamento del dca, riunitosi ieri.

«L’arrivo di un professionista di questo calibro alla guida della Cardiochirurgia del nostro ospedale Gaslini – afferma il presidente della Regione e assessore alla Sanità Giovanni Toti − conferisce ulteriore prestigio al nostro Irccs pediatrico, che si conferma essere un’eccellenza ligure e nazionale, in grado di richiamare i migliori specialisti, anche dall’estero. A Guido Michielon vanno i migliori auguri di buon lavoro in un ospedale che ha come mission non solo la cura dei più piccoli ma anche il prendersi cura di loro e delle loro famiglie».

«L’Istituto Gaslini acquisisce un grande e rinomato professionista che va a rafforzare la nostra squadra di medici eccellenti − commenta il presidente dell’Istituto Gaslini Edoardo Garrone −: una nomina strategica, che conferma l’impegno dell’ospedale nel consolidare e migliorare ulteriormente la qualità delle sue prestazioni, come polo attrattivo di rilievo nazionale e internazionale».

Formatosi a Padova, ha completato la sua formazione clinica in cardiochirurgia negli Stati Uniti, dove ha trascorso cinque anni lavorando nei dipartimenti cardiaci del paese, dalla Mayo Clinic al Boston Children’s hospital, al Children’s hospital di Philadelphia, prima di iniziare a lavorare presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma dove ha operato fino al 2012. Dal 2012 al 2015 ha lavorato come chirurgo cardiotoracico pediatrico presso l’University Medical Center di Groningen nei Paesi Bassi e dal 2015 si è trasferito presso il Royal Bromton Hospital.

È responsabile presso il Guy’s and St. Thomas (con fusione di Evelina Children’s hospital e Royal Brompton Hospital) della Cardiochirurgia pediatrica e neonatale. È responsabile del programma per il trattamento del cuore sinistro ipoplasico, attualmente la frontiera più avanzata della cardiochirurgia neonatale.

Nella sua esperienza statunitense è stato allievo di esperti del calibro di Donald Doty di Salt Lake City, Aldo Castaneda del Boston Children’s hospital, Bill Norwood, che ha inventato la procedura universalmente utilizzata per il trattamento del cuore sinistro ipoplasico, noto come intervento di Norwood, e di cui è stato chief resident.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.