Fino al 9 ottobre a Genova  è possibile visitare, con ingresso libero, nel cortile di Palazzo Tursi, la mostra internazionale di opere d’arte realizzate con materiali di scarto e rifiuti RiArtEco. Giunta alla sua 18esima edizione, grazie alla sinergia con Iit, Istituto Italiano di Tecnologia, RiArtEco mette in mostra pannelli di “Futuri Sostenibili”, che i visitatori potranno votare.

La manifestazione artistica, organizzata e curata dal Movimento d’arte Riarteco, ha il patrocinio del ministero della Transizione Ecologica, Comune di Genova, Comune di Siena, Comune di Sambuci.

Riarteco-Riutilizzo Artistico Ecologico nasce nel 2005 ed è oggi una realtà consolidata nel panorama dell’arte contemporanea, che presenta opere d’arte realizzate dal riuso e recupero degli scarti in collaborazione con il mondo accademico e scientifico sul tema dei rifiuti per un futuro sostenibile.

«Riarteco – spiega Aldo Celle del coordinamento nazionale Riarteco e presidente di La Tela odv – promuove tramite l’arte un impegno concreto verso la tutela dell’ambiente, del territorio, delle risorse naturali e le specie viventi del pianeta, mediante l’innovazione sostenibile e la diffusione della cultura del riuso e riutilizzo dei materiali, nonché una sensibile riduzione dei consumi, più etici e responsabili. Riarteco si propone come uno strumento per le amministrazioni comunali, gli enti territoriali, le istituzioni ed associazioni a carattere nazionale e locale affinché possa compiersi la transizione ecologica e un cambio di paradigma culturale, sociale ed economico, e riconnetterci con la natura».

Il Movimento RiArtEco collabora, in tutta Italia, con realtà museali, enti locali e ha collaborazioni con il ministero dell’Ambiente (ora della Transizione Ecologica) e della Cultura (Mibact).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.