Otto locali storici liguri saranno protagonisti della giornata nazionale organizzata dall’Associazione locali storici d’Italia e apriranno le loro porte a visitatori e curiosi per svelare curiosità, aneddoti e ricette.

In Italia sono 200 tra alberghi, ristoranti, pasticcerie, confetterie e caffè: questi simboli della ristorazione e dell’ospitalità made in Italy festeggeranno in contemporanea in tutta Italia sabato 1° ottobre.

Tra gli otto locali liguri c’è la Trattoria detta del Bruxaboschi, tempio della cucina ligure dove sarà possibile assaggiare, tra le altre cose, i ravioli ripieni di carne e verdura con “tucco” alla genovese, e la più illustre confetteria d’Italia, Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano, decantata da De Andrè, per una degustazione dei suoi dolci dalle antiche ricette.

Il Ristorante Zeffirino svelerà i segreti del pesto che Frank Sinatra si faceva spedire in America e al Ristorante da Ö Vittorio (Recco) si potranno degustare i tipici “frixoe di boraxi” genovesi (tipiche frittelline di pastella lievitata e borragine selvatica) seduti ai tavoli dove hanno sostato, tra gli altri, Bartali e Coppi, Tognazzi e Vianello e Wanda Osiris.

Tempio dell’accoglienza di Santa Margherita è il Grand Hotel Miramare, da cui Marconi nel 1933 trasmise al mondo i primi segnali radio telegrafici e radio telefonici alla distanza di 150 chilometri.

Gli appassionati di ciclismo potranno invece fare tappa ad Imperia al Piccardo, dove Coppi, in gara per la Milano-Sanremo del 1946 con 14 minuti di vantaggio, entrò per un caffè per poi tornare in sella e completare l’impresa. Tra gli aneddoti più curiosi del locale, lo schiaffo della proprietaria a Mussolini, che nel 1908 le fece un complimento ardito.

In provincia, a Sanremo, non può mancare una sosta alla casa dei grandi artisti che partecipano al Festival della Canzone, il Royal Hotel Sanremo, che dalle sue stanze ha visto affacciarsi al mare anche “Sissi” imperatrice d’Austria, Rania di Giordania e Mascagni. Chiude in dolcezza il Caffè pasticceria Balzola di Alassio (SV), inventore del “caffè concerto” e dei “Baci di Alassio”, brevettati nel 1919, che hanno attratto personaggi come D’Annunzio e la Duse, ma anche i due industriali più dolci d’Italia: Motta e Alemagna.

I 200 Locali storici d’Italia sono tutelati e valorizzati da oltre 45 anni dall’omonima Associazione, devono avere almeno 70 anni di storia e devono conservare ambienti e arredi originali (o comunque che testimonino le origini del locale), ma anche presentare cimeli, ricordi e documentazione storica sugli avvenimenti e sulle frequentazioni illustri.

La Giornata nazionale dei Locali storici d’Italia è organizzata grazie al sostegno dalle aziende storiche e socie sostenitrici Birra Forst, Lavazza, Acqua minerale San Benedetto e Select.

Il programma dell’evento (in continuo aggiornamento) con i dettagli sulle singole iniziative è pubblicato su www.localistorici.it; per le prenotazioni è necessario rivolgersi ai singoli locali aderenti.

Elenco dei locali aderenti alle iniziative in Liguria, aggiornato al 22 settembre 2022:

Genova: Trattoria detta del Bruxaboschi, Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano, Ristorante Zeffirino, Ristorante da Ö Vittorio (Recco), Grand Hotel Miramare (S. Margherita)

Imperia: Piccardo, Royal Hotel Sanremo (Sanremo)

Savona: Caffè pasticceria Balzola (Alassio)

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.