Cia Liguria ha scritto al vicepresidente e assessore regionale all’Agricoltura, Alessandro Piana, per richiedere l‘inserimento, oltre che del comparto zootecnico, anche del settore olivicolo ligure nel provvedimento che riconosce i danni causati dalla siccità. C’è solo una settimana di tempo. Lo annuncia una nota di Cia Liguria.

“Il fatto che non ci siano modelli “E” presentati all’ Ispettorato e relativi al settore olivicolo non vuol significare che non ci sia il danno” commenta in un comunicato Stefano Roggerone, presidente regionale di Cia Liguria in riferimento alla nota di Piana che ha spiegato come a una settimana dalla scadenza dei termini per il provvedimento regionale, non siano presenti segnalazioni di danno per siccità inerenti l’olivicoltura.

Secondo Roggerone “Se il tema è solo burocratico si risolve facilmente: siamo in grado di presentare decine di modelli in qualche giorno, anche se francamente per determinare una riduzione produttiva superiore al 30% credo possa bastare qualche sopralluogo in campagna da parte dei tecnici dell’ Ispettorato, come da noi più volte sollecitato. Riteniamo che i dati ripetutamente forniti da tutte le organizzazioni agricole possano essere di aiuto per assumere atti con piena consapevolezza. Ci auguriamo che vengano coinvolti al più presto gli uffici regionali competenti. Siamo certi che la nostra richiesta sia ascoltata e accettata”.

Il provvedimento di proposta di riconoscimento dovrà essere inviato al Ministero entro il prossimo 8 ottobre.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.