Banca Carige per l’1, 15 e 16 ottobre propone la mostra “Bianco/nero Rubens. Dettagli insoliti dei Palazzi di Genova” a cura di Fabio Accorrà e Shari Caviglia e apre al pubblico la terrazza a picco sui tetti del centro storico e la ricca pinacoteca ai piani nobili della sede direzionale. L’iniziativa è stata promossa per il ritorno, sabato 1° ottobre, di Invito a Palazzo, manifestazione Abi giunta alla XXI edizione, e della grande kermesse d’arte e cultura dei Rolli Days nel week end del 15 e 16 ottobre,

La mostra ha l’obiettivo di far rivivere per mezzo del bianco e nero delle fotografie di Fabio Accorrà e della malleabilità dell’argento dei gioielli di Shari Caviglia l’eccezionalità delle forme architettoniche, delle decorazioni, degli stucchi, e dei prospetti delle dimore aristocratiche, permettendoci di scorgere anche i dettagli più minuti o degli insoliti scorci di questi eleganti palazzi.

Fabio Accorrà

Nelle foto di Fabio Accorrà, genovese classe 1984, ritroviamo i prestigiosi edifici dei Rolli, che tanto affascinarono Rubens, ritratti in situazioni reali e spontanee, talvolta abbagliati dal sole, nella vita di tutti i giorni, scenari di una città storica ma in cui scorre la vita dei genovesi nella sua quotidianità. Grande appassionato di arte fotografica, Accorrà torna a esplorare la sua Genova dopo viaggi ed esperienze in giro per il mondo. Reportage pubblicati ed esposti in numerose mostre, tra le quali è possibile ricordare “I Colori del Giappone” al Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone di Genova nel 2020, o due anni dopo “Venezia colori e parole del silenzio”, un reportage fotografico che racconta Venezia come non si era mai vista, deserta nell’ultimo lockdown.

Shari Caviglia

I gioielli di Shari Caviglia esposti in Banca Carige, vera rivelazione di questa giovane architetto genovese il cui rigore di studiosa si sublima nella creatività l’arte dell’oreficeria, rendono omaggio alla città ispirandosi alle  architetture degli antichi palazzi nobiliari del Cinquecento, prendendo ispirazione dalle forme architettoniche di quelle quarantadue residenze aristocratiche elette nel 2006 come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Shari Caviglia realizza le proprie creazioni facendo uso di tecniche orafe tradizionali ma anche di quelle più innovative o all’avanguardia come la progettazione e la stampa 3D; anche i soggetti, giocano molto sulla possibilità di poter accostare elementi differenti, siccome i gioielli possono essere assemblati in modo tale da creare combinazioni sempre nuove, consentendo massima libertà di espressione e di personalizzazione.

La mostra proposta da Banca Carige rappresenta un omaggio alla città, nello stesso spirito che animò Rubens quando quattrocento anni fa pubblicò il volume sui Palazzi genovesi. A distanza di secoli, le decorazioni e le diverse geometrie di questi edifici ancora affascinano e possono essere di ispirazione per artisti, fotografi, orafi, i quali, attraverso il proprio occhio, la propria inclinazione o creatività, riescono a fornirci letture sempre nuove e personali di quella vivacità culturale che si è potuta esprimere a Genova tra Cinquecento e Seicento sia in campo artistico sia in quello architettonico.

Oltre alle immagini di Fabio Accorrà e alle creazioni di Shari Caviglia che saranno ammirabili nel Salone del XV piano di Via Cassa di Risparmio 15, nei giorni di apertura sarà visitabile anche il XIV piano dove sono esposti diversi capolavori della pinacoteca Carige.

La mostra si inserisce nel progetto “Genova per Rubens”, network di iniziative organizzate in occasione della mostra “Rubens a Genova” che si terrà a Palazzo Ducale dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 e curata da Nils Büttner e Anna Orlando.

La mostra di Banca Carige è visitabile sabato 1° ottobre, sabato 15 e domenica 16 ottobre, dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18.30). Le visite sono gratuite e guidate.

Prenotazioni qui

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.