Sono più di una, a dire il vero, le torte salate della tradizione ligure che possono definirsi da picnic, cioè adatte a una merenda all’aperto. Molto gradevole in questi giorni, all’ombra ovviamente, nei boschi dell’entroterra, magari sulla riva di un ruscello, dove  passare qualche ora al fresco. E portarsi un buon vinello e qualcosa di buono da mangiare. In genere si scelgono frittatine, torte di verdura, insalate fredde di riso o di pasta, frutta.

La torta che nel titolo abbiamo definito da picnic può essere una piacevole variante a quelle di verdura che siamo abituati a consumare in questa stagione e di solito si portano in gita, a base di melanzane, bietole, zucchine. Si tratta di una torta del Levante ligure. Ripiena di salsiccia. Ma  niente affatto pesante.

Ingredienti: 200 grammi di farina, 400 grammi di luganega (o altro tipo di salsiccia che preferite), acqua, sale, olio extravergine d’oliva.

Procedimento: impastate la farina con l’acqua necessaria, un pizzico di sale e un cucchiaio d’olio: vale a dire, preparate la classica pasta della pasqualina, lavoratela bene con le mani per qualche minuti in modo da ottenere un impasto liscio, sodo e omogeneo. Dividetelo in due parti, che con un mattarello trasformerete in due sfoglie adatte a una teglia da 24-26 cm di diametro.

Fate uscire la luganega dal budello e sbriciolatela con le mani. Ungete d’olio la teglia, adagiatevi una sfoglia e sopra questa disponete uniformemente la salsiccia sbriciolata. Come nelle pasqualine, fate in modo che la sfoglia raggiunga e superi di qualche centimetro i bordi della teglia. Sopra lo strato di salsiccia deponete l’altro disco di pasta e ripiegatevi i bordi della prima sfoglia. Bucherellate con una forchetta il disco di copertura in modo da far uscire il vapore, e spennellatelo con un po’ dolio.

Fate cuocere la torta  in forno a 180 gradi per una trentina di minuti o comunque finché  la pasta non sarà dorata. Consumatela a temperatura ambiente, non mettetela in frigo. Potete berci un Rosso della Valpolcevera.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.