Domani il consiglio comunale di Recco discuterà e voterà il progetto di adozione del Piano Urbanistico Comunale (Puc) e il relativo rapporto ambientale.

Alla base del nuovo strumento, coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, c’è il principio della qualità ambientale, con particolare attenzione alla qualità dell’aria e alla gestione dei rifiuti urbani.

E ancora: innovazione nel sistema di mobilità mediante la creazione di aree pedonalizzate, incrementando le condizioni di sicurezza, vivibilità, miglioramento ambientale, sviluppo del verde e de-impermeabilizzazione del suolo, per rendere più attraente l’insediamento per abitanti, turisti e utenti delle attività economiche.

«Inoltre se prendiamo in considerazioni le azioni sul patrimonio edilizio − commenta l’assessore all’Urbanistica Enrico Zanini − ecco che quanto indicato nel Puc può guidare ad attuare l’indispensabile equilibrio. Le coperture green, ad esempio, pensate per integrarsi con il paesaggio o rompere la monotonia del grigio urbano, riducono il consumo di suolo in quanto lo strato vegetale, posto a sostituzione di un impermeabile lastrico solare cementato o piastrellato, consente l’assorbimento delle acque meteoriche ritardando l’effetto devastante delle piogge torrenziali che scorrerebbero libere».

Il Puc, una volta ufficialmente adottato dal Comune, sarà inviato a Regione Liguria che lo pubblicherà sul bollettino regionale e solo allora sarà affisso all’Albo Pretorio per dare la possibilità ai cittadini di fare eventuali osservazioni nel termine dei 60 giorni; contestualmente sarà inviato a tutti gli altri enti interessati che avranno anch’essi 2 mesi di tempo per eventuali considerazioni.

«È un piano urbanistico che coinvolgerà non solo tutta l’aula – dice il sindaco Carlo Gandolfo – al di là degli schieramenti che ci separano quotidianamente nel confronto politico, ma attiverà un dialogo costruttivo con i cittadini,  i portatori di interesse e le associazioni di categoria. Per giungere a un percorso condiviso sulle questioni legate a interventi che incideranno profondamente sul modello di sviluppo della nostra città».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.