Da oggi, lunedì 4 luglio, gli studenti iscritti all’Università degli studi di Genova o di una istituzione Afam (Alta formazione artistica, musicale e coreutica), fino al 31 agosto 2022, potranno presentare domanda di borsa di studio che la Regione, attraverso Aliseo, eroga agli studenti “meritevoli e privi di mezzi”.

Il bando di concorso prevede un requisito di merito (un numero di crediti crescenti in base all’anno di frequenza) e un requisito di reddito con un limite Isee per presentare la domanda fino a 24.335 euro e un limite Ispe (indicatore sulla situazione patrimoniale) fino a 52.902 euro (il massimo possibile previsto dalla normativa nazionale). Tutti gli studenti vincitori del bando hanno diritto a una borsa di studio economica e in servizi (alloggio e la ristorazione); beneficiano inoltre dell’esonero della tassa regionale per il diritto allo studio e delle tasse universitarie per la frequenza dei corsi all’Università degli studi di Genova.

«Grazie ai fondi del Pnrr Next Generation – dichiara l’assessore all’Istruzione e all’Università Ilaria Cavo – aumenta il valore della borsa di studio che verrà assegnata: parte da un minimo di 2.482 euro (500 euro in più rispetto all’anno scorso oltre a un pasto gratuito giornaliero) a un massimo di 6.158 euro (900 euro in più rispetto l’anno scorso, comprensivi dell’alloggio e del servizio di ristorazione), in base al reddito Isee dello studente e dalla città di residenza, se risulta nella tipologia di studente in sede, pendolare o fuori sede. Ci sono poi particolari incentivi alle studentesse che partecipano a corsi in materie scientifiche stem, a studenti con disabilità, a studenti che partecipano contemporaneamente a più corsi».

In particolare, viene riconosciuto il 15% in più della borsa agli studenti con un Iseeu/Iseeup inferiore o uguale al 50% del limite massimo di riferimento (12.167,50 euro); Viene riconosciuto il 20% in più della borsa alle studentesse iscritte ai corsi di studio in materie stem; Viene riconosciuto il 40% (massimo) della borsa di studio agli studenti con disabilità (riconoscimento di handicap ai sensi dell’art. 3 comma 1 della legge 5 febbraio 1992, n.104 o con invalidità pari o superiore al 66%); Viene riconosciuto il 20% in più della borsa agli studenti iscritti contemporaneamente a più corsi di studio.

I posti alloggio a disposizione per gli studenti vincitori di borsa di studio sono tornati a essere quelli pre-pandemia, ovvero 754 disponibili nelle proprie strutture abitative di cui 730 a Genova e 24 a Savona. Altri 250 posti letto sono a disposizione a pagamento agli studenti universitari fuori sede che non rientrano nei criteri per ottenere una borsa di studio universitaria. Aliseo ha recentemente partecipato al bando per le nuove residenze universitarie emanato dal Ministero dell’Università con tre progetti (una a Genova, una a Savona e una alla Spezia) che porteranno i posti letto globali a disposizione per gli studenti a 1496.

Sono state aumentati i valori le fasce di reddito per usufruire del servizio di ristorazione a tariffa agevolata (studente con Isee universitario fino a 24.335 euro ha un pasto completo pagando 2,50 euro mentre lo studente con un Isee tra i 24.335 euro e i 32.090 euro paga per lo stesso pasto completo 4 euro (per pasto completo si intende un primo, un secondo con contorno, frutta, dolce o yogurt oltre le bevande). Gli studenti universitari che non rientrano in queste fasce di Isee universitario accedono al servizio di ristorazione pagando per il pasto completo 5,5 euro).

Aliseo, durante tutto il periodo di questa pandemia, ha continuato a erogare i propri servizi garantendo il servizio abitativo e la ristorazione a tutti gli studenti presenti nelle residenze universitarie che non sono riusciti a rientrare presso le loro abitazioni in Italia o all’estero e supportando gli studenti alloggiati che sono stati colpiti dal Covid-19. «Anche quest’anno vogliamo perseguire l’obiettivo di fondo: venire incontro al numero maggiore possibile di studenti in difficoltà rendendo, questa volta, ancora più facile il meccanismo di presentazione della domanda – prosegue Cavo – Lo scorso anno abbiamo aiutato più di 3 mila studenti: un numero considerevole. Vogliamo mantenere questo trend. È importante che chi ha voglia di studiare e specializzarsi possa farlo. Dobbiamo garantire a tutti pari opportunità e attuare al massimo il diritto allo studio, a tutti i livelli».

Nell’anno accademico 2021/2022 la Regione ha erogato attraverso Aliseo la borsa di studio al 100% degli aventi diritto e quindi a tutti i 3.357 studenti universitari vincitori. Di questi ragazzi e ragazze, circa il 36% sono studenti extracomunitari che arrivano principalmente dall’Iran, dall’India, dal Pakistan per seguire corsi universitari a Genova. Un impegno globale della Regione Liguria di oltre 9 milioni di euro a sostegno degli studenti privi di mezzi ma meritevoli che frequentano l’Università degli Studi di Genova e gli Afam della Liguria.

Per presentare domanda lo studente deve avere le credenziali spid (II livello) o la cie per gli studenti che richiedono per la prima volta i benefici per il diritto allo studio universitario per l’anno accademico 2021/2022. Tali credenziali non vengono richieste per gli studenti minorenni e gli studenti non in possesso di cittadinanza italiana e di un documento di identità italiano valido.

Dal 4 luglio è attivo un call center (840 848038) dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì e il mercoledì anche dalle 14,30 alle 16,30. Inoltre, attraverso lo sportello virtuale, si potrà richiedere un appuntamento telefonico (Aliseo richiamerà direttamente all’ora prestabilita), un appuntamento attraverso una video call (attraverso la piattaforma Microsoft Teams) oppure un appuntamento in presenza presso gli uffici di Aliseo in Via San Vincenzo 4 – Genova.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.