La giunta regionale ha autorizzato la spesa di 144 mila euro quale contributo annuale a ad associazioni impegnate a livello regionale in attività di tutela e promozione sociale rivolte a mutilati, invalidi e portatori di handicap.

«Di questa cifra una parte va a finanziare i progetti presentati – dichiara l’assessore alle Politiche socio sanitarie Ilaria Cavo − mentre una parte è un sostegno una tantum che va incontro al cuore della disabilità, che risponde a una richiesta avanzata per le gravi difficoltà che le associazioni hanno subito nel periodo della pandemia. Sono orgogliosa, nel dialogo costante con queste realtà, di aver potuto rispondere a un’esigenza viva da una parte delle associazioni che accudiscono chi ha più bisogno».

A usufruire del contributo sono l’Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro, l’Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra, l’Associazione nazionale famiglie dei caduti e dispersi in guerra, l’Associazione nazionale vittime civili di guerra, l’Unione nazionale mutilati per servizio, l’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili, l’Ente nazionale sordomuti, l’Unione italiana ciechi e l’Associazione nazionale guida legislazioni handicappati trasporti.

Per il 2022 la Regione Liguria ha dunque riconosciuto un contributo di 144 mila euro suddiviso tra le progettazioni presentate (90 mila euro) e un ulteriore contributo una tantum (54 mia euro) ripartito in parti uguali, per la valorizzazione e il sostegno di iniziative e attività svolte durante il periodo emergenziale del Covid-19 dagli stessi enti che rappresentano una componente attiva dell’economia sociale della nostra regione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.