I commercianti lanciano un grido di dolore in occasione dell’inizio dei saldi estivi.

«Siamo in grande difficoltà con la data di avvio dei saldi stagionali: di anno in anno si continua ad anticipare senza considerare le problematiche che i commercianti stanno affrontando – spiega la presidente di Cna Commercio La Spezia Desiree Perillo – un avvio degli sconti il 2 luglio non si può considerare un saldo di fine stagione ma di inizio estate. Andrà bene per i centri commerciali e gli outlet, che hanno anche una diversa capacità di magazzino e magari non capi della stagione in corso, ma per il piccolo commercio non è semplice. L’alternativa è essere costretti a dire ai clienti che certa merce non è in saldo. D’altra parte, le aziende non ci vendono la merce scontata, soprattutto se sono capi di stagione».

Perillo ricorda che negli anni Ottanta e Novanta i saldi estivi iniziavano a metà luglio.

«Ora stiamo anticipando troppo le tempistiche − sostiene Perillo − dal 20 giugno i negozi hanno avuto un crollo delle vendite perché naturalmente si attendono gli sconti. Anche solo dieci giorni di differenza però sono vitali per i piccoli commercianti che fanno ancora i conti con le difficoltà post covid acuite dagli aumenti energetici».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.