Potenziare le filiere produttive che interessano i settori del comparto agricolo, quali reti di impresa, filiere corte e aggregazioni di soggetti imprenditoriali e accrescere la sinergia tra gli operatori economici e il territorio innovando i processi produttivi.

Sono tra gli obiettivi programmatici illustrati da Sandro Gagliolo, presidente provinciale Confederazione italiana agricoltori, Cia Savona, per sostenere le imprese agricole nella produzione e commercializzazione. «Le innovazioni dei processi produttivi legati alle nuove frontiere dell’agricoltura 4.0 — dice Gagliolo — rappresentano un supporto decisivo alla creazione di una maggiore sinergia operativa tra le aziende, che possano usufruire di vantaggi competitivi rispetto ai loro prodotti e ai canali di distribuzione e commercializzazione, oltre che ottenere maggiori finanziamenti tramite gare e bandi».

Tra i progetti di innovazione del settore agroalimentare portati avanti da Cia Savona ci sono la “Filiera ingauna delle piante in vaso” e la filiera corta legata a un’eccellenza del territorio, l’asparago violetto di Albenga. «Grazie ai nostri tecnici e alla collaborazione scientifica del Cersaa — racconta il presidente — abbiamo, ad esempio, la possibilità di rinnovare e modernizzare il tessuto produttivo dei vari settori agricoli, in un ambito coordinato e integrato, proprio grazie ad accordi di filiera di carattere inclusivo e partecipativo».

Gagliolo racconta anche l’esperienza personale vissuta con la sua azienda, attiva nel settore olivicolo. La filiera corta parte dalla campagne, passa al frantoio e arriva al confezionamento del prodotto finale: “Si instaura un dialogo diretto con il consumatore che viene a conoscenza di tutta la fase produttiva. Un’attività rivolta alla sua fidelizzazione e condivisione non solo legato al consumo”. «Insistere e promuovere, con direttrici più mirate, la sicurezza alimentare, la sostenibilità ambientale e la tracciabilità dei prodotti del nostro territorio — dice il presidente Cia — darà un valore aggiunto significativo a tutte le nostre produzioni e alla loro presenza sui mercati, fermo restando la forte battaglia sul fronte della concorrenza sleale e gli aspetti distorsivi a livello normativo e/o burocratico che troppo spesso hanno ostacolato prospettive di sviluppo».

Gagliolo indica la linea di azione da seguire per favorire la crescita delle filiere produttive e sostenere i processi innovativi per le aziende agricole: “Auspichiamo che possano essere introdotte misure e strumenti in grado di favorire un aumento di soggetti aggregati rivolti a progetti di impresa e attività. Parallelamente è necessaria una promozione capace di rappresentare, in maniera efficace, nell’offerta turistica i prodotti enogastronomici e specialità locali identitarie di un territorio e della sua storia, unendo le forze con istituzioni, enti e operatori economici nelle opportune azioni di marketing territoriale: show-cooking, degustazioni itineranti e laboratori tematici a dimensione familiare stanno diventando experience ricercate, con le nostre eccellenze agroalimentari sempre più protagoniste nelle stesse scelte di destinazione turistica”.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.