Le Borse europee hanno chiuso in rialzo, sostenute dall’impegno della banca centrale cinese di supportare la ripresa dell’economia locale, che ha spinto i listini di Hong Kong e Shanghai, e dal rialzo dei prezzi del greggio. Londra segna +0,9%, Madrid +0,22%, Parigi +0,93%, Francoforte 0,74%, Milano +1,13%.

Spread Btp/Bund a 212 punti (variazione -2,42%, rendimento Btp 10 anni +3,27%, rendimento Bund 10 anni +1,16%).

A Piazza Affari, Enel ha pagato lo stacco cedola (-1,82%), Saipem ha accusato una flessione del 7,07% allontanandosi dai valori di emissione delle nuove azioni per l’aumento di capitale da 2 miliardi, mentre gli altri petroliferi si sono giovati del rialzo del greggio (Tenaris +4,06%, Eni +1,62%). Positive le banche (Banco Bpm +3,15%, Intesa Sanpaolo +2,57%) nonostante la crisi di Governo. Brillano anche Nexi (+2,68%) e Stellantis (+2,49%) che  ha siglato un accordo con Dongfeng in relazione ai 99,2 milioni di azioni Stellantis detenute da Dongfeng (3,16% del capitale). In base all’accordo Dongfeng può presentare un’offerta di vendita a Stellantis, di tutte o di una parte delle azioni e il gruppo a sua volta avrà il diritto, ma non l’obbligo, di accettare la proposta di acquistare alla media dei prezzi di chiusura dei 5 giorni precedenti all’Euronext Milano.

Sul mercato valutario euro/dollaro a 1,016 (1,0091 venerdì in chiusura).

Per quanto riguarda il greggio, rialzo superiore al 4% sia per il Wti (101,5 dollari al barile la scadenza agosto) sia per il Brent (105,6 dollari al barile la scadenza settembre). Gas naturale europeo sotto 150 euro al megawattora.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.