Avvio ancora in calo per la Borsa di Milano. L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in ribasso dell’1,06% a 21.067 punti, ma recupera con il passare dei minuti, virando in positivo. A guidare i rialzi Saipem Axaz dopo le vendite dei giorni scorsi (+26,98%). Risale anche Unicredit (+2,2%). Bene anche Leonardo (+1,63%). In calo Stmicroelectronics (-1,67%), Enel (-1,24%) e Terna (-1,04%).

Avvio in ribasso per le Borse europee, con gli investitori che attendono di conoscere il dato dell’inflazione a giugno, da cui dipenderà la traiettoria della stretta monetaria da parte della Bce. A Londra l’indice Ftse 100 cede lo 0,77% a 7.114 punti, a Parigi il Cac 40 arretra dello 0,8% a 5.875 punti mentre a Francoforte il Dax scende dell’1,22% a 12.627 punti.

Terza seduta consecutiva in rosso per le Borse asiatiche che continuano a essere battute dalla paura di una recessione scatenata dalla corsa dei prezzi e dal timore che le banche centrali accelereranno la stretta sui tassi nel tentativo di domarla. Tokyo ha perso l’1,6%.

Prezzo del petrolio in calo. Il Wti con scadenza ad agosto passa di mano a 104,66 dollari con un calo dell’1,04%. Il barile di Brent con consegna a settembre è scambiato a 108,11 dollari con un calo dello 0,84%.

Nei cambi euro in calo: scambiato a 1,0465 dollari (-0,18%).
Rispetto allo yen l’euro passa di mano a quota 141,2000 con un calo dello 0,75%.

Lo spread tra Btp decennale italiano e corrispondente Bund tedesco è in lieve aumento a 195 punti base (+0,5%). Il rendimento è a +3,29%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.