Circa il 60% delle banche europee non è ancora dotata di un framework per testare i rischi sul business derivanti dai cambiamenti climatici e la maggior parte degli istituti non include il fattore clima tra i propri modelli di rischio di credito. Secondo quanto riporta Radiocor, lo segnala la Bce presentando i primi stress test sul rischio climatico che hanno coinvolto 104 istituti nel periodo gennaio-luglio 2022.

Solo il 20% delle banche considera il rischio climatico tra le variabili per la concessione di prestiti ai clienti.

La Bce sottolinea che  attualmente le banche non solo all’altezza delle best practices in base alle quali dovrebbero definire capacità di stress test sul clima che includano diversi canali di trasmissione del rischio climatico, ad esempio rischi di mercato e di credito, e diversi portafogli sia corporate sia dei mutui, per esempio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.