Sulla scia di Wall Street le Borse europee consolidano le posizioni guadagnate ieri, grazie anche alle rassicurazioni di Christine Lagarde sull’efficacia dello scudo anti-spread.

Positive Parigi (+0,75%), Londra, con un +0,42% e Francoforte, +0,2%.

A Piazza Affari il Ftse Mib ha terminato la giornata in progresso dello 0,39%. Tra i titoli milanesi a maggiore capitalizzazione, spicca Leonardo (+3,51%) per la fusione nella controllata americana Drs di Rada Electronic Industries, fornitore di radar tattici militari software-defined avanzati, già quotato al Nasdaq e a Tel Aviv.

Bene anche le banche, con Banco Bpm a +2,08%, e titoli industriali come Stellantis (+2,5%) e StMicroelectronics (+2,57%).

Marcia indietro invece per Recordati, che ha ceduto il 3,4% dopo una serie di sedute positive. In rosso anche le utility.

I cambi: l’euro si consolida sopra quota 1,05 dollari e scambia a 1,0558 (da 1,0531 ieri in chiusura). Debole lo yen, sceso a 143,81 per un euro (da 142,15) e 136,19 per un dollaro (da 135,02) dopo aver registrato il nuovo minimo da 24 anni a 136,34.

Prosegue la corsa del gas a causa i tagli all’export da parte della Russia con le quotazioni che arrivano a 125,5 euro al megawattora (+4%).

Rimbalza, infine, il prezzo del petrolio con i future sul Wti di agosto a 110,14 dollari (+1,22%) e il Brent a 115,41 dollari (+1,12%).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.