È operativa la seconda area di scambio presso il container terminal di Vado Ligure, tra i terminal tecnologicamente più avanzati del Mediterraneo grazie a una serie di dotazioni all’avanguardia e, in particolare, a una flotta di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori altamente specializzati.

La nuova area, dedicata al trasferimento dei contenitori tra i camion e il terminal, è posizionata in testa alla banchina ed è formata da 17 nuove postazioni a disposizione degli autotrasportatori.

La sua entrata in funzione porta a 42 il totale delle aree di scambio attivabili, migliorando la viabilità all’interno delle aree operative della piattaforma.

L’apertura del nuovo punto di trasferimento rientra tra le iniziative atte a migliorare il servizio ai clienti del terminal.

L’infrastruttura, situata a Vado Ligure, comprende il nuovo container terminal deep-sea e l’adiacente reefer terminal, il più grande hub del Mediterraneo per la logistica della frutta in grado di accogliere anche contenitori dry dedicati al trasporto di merce che non richiede temperatura controllata.

Operativo dal febbraio 2020, il nuovo container terminal di Vado Ligure a regime sarà in grado di movimentare annualmente circa 900 mila teu (contenitori da 20 piedi), con un obiettivo di intermodalità su ferro del 40%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.