La rappresentanza sindacale unitaria di Selesta Ingegneria, azienda metalmeccanica che sviluppa e produce sistemi e soluzioni hardware e software per il controllo accessi, controllata al 100% dal Gruppo Zucchetti, ha proclamato lo stato di agitazione del personale.

“Da tempo è in atto un confronto sindacale sull’organizzazione del lavoro e su alcune voci legate alle retribuzioni – si legge nella nota della Fiom Cgil Genova – Purtroppo da parte aziendale non c’è alcuna volontà di venire incontro alle richieste sindacali; nessuna apertura è arrivata sulla regolamentazione dello smart working in atto da più di due anni e che ha consentito notevoli risparmi alle casse aziendali, o sul riconoscimento del buono carburante, strumento previsto nel decreto Energia del governo Draghi detassato e finalizzato al ristoro economico delle famiglie. Il Gruppo Zucchetti ha comunicato che il buono carburante non verrà riconosciuto a tutti i lavoratori, ma verrà erogato in modo discriminatorio. Sono condizioni inaccettabili che completano un quadro molto preoccupante con il Gruppo Zucchetti che non fa nulla per incentivare le maestranze e per tenere il personale che, altamente professionalizzato ma non valorizzato, decide di dimettersi”.

Prosegue la nota: “L’atteggiamento della controllata Selesta è irricevibile, soprattutto se si pensa al fatto che l’Azienda, che su Genova occupa 120 dipendenti, contribuisce in modo fondamentale al fatturato del Gruppo che nel 2020 – anche grazie ai nuovi sistemi informatici richiesti a seguito della pandemia che ha determinato la riorganizzazione del lavoro di molte aziende ed enti – ha realizzato il fatturato record della sua storia, superando di slancio il miliardo di euro”.

Per questi motivi Fiom Cgil e rsu Selesta hanno proclamato lo stato di agitazione del personale e si riservano di procedere con la mobilitazione per arrivare a un tavolo di trattativa che attivi “proposte e soluzioni percorribili”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.