Lo chiamiamo pâté invece che salsa perché questo composto  è vero che nella cucina genovese si utilizza(va) di solito come salsa per condire il fegato  tagliato a fette e cotto nel burro o nell’olio,   ma   la sua consistenza, più soda di quella di una salsa, lo rende adatto a essere spalmato anche su crostini di pane. Come si fa tuttora in Toscana con il notissimo pâté di fegato e milza.

Del resto anche il nostro piatto ha come base la milza di bovino: quello che lo caratterizza rispetto alle altre ricette regionali a base di milza è l’uso piuttosto deciso dell’aglio. La milza viene impiegata in cucina in molte regioni italiane, ma soprattutto in Sicilia, in Campania, nel Veneto, nel Lazio e in Toscana. Saporitissima, povera di grassi e ricca di proteine e ferro e facilmente digeribile, è molto versatile. In uno dei più famosi street food italiani, il siciliano “pani ca meusa”, milza e polmone di bovino vengono bolliti e poi saltati in padella con lo strutto. Il tutto viene poi servito caldo all’interno di un panino ricoperto di sesamo, con succo di limone oppure del caciocavallo, mentre nel Lazio e in Toscana si usa il noto pâté spalmato sui crostini.

Le varianti sono numerose. Quella genovese prevede, con la milza,  l’uso (determinante) dell’aglio e dell’aceto. E basta. Esclusi anche l’olio e perfino le acciughe salate, che pure nella cucina ligure sono molto presenti e compaiono in altre ricette regionali a base di milza.

Ingredienti: 500 grammi di milza di bovino, 5 spicchi d’aglio, 100 grammi di mollica di pane, aceto rosso, sale.

Procedimento: fate bollire la milza per un’ora. Apritela in due nel senso della lunghezza con un coltello e raschiate il contenuto con un cucchiaio, fino a lasciare la pelle vuota. Inzuppate la mollica di pane nell’aceto e strizzatela. Passate nel mixer la polpa della milza, la mollica di pane e l’aglio con il sale necessario. Versate l’impasto così ottenuto in una terrina e, se è il caso,  aggiungetevi aceto, nella misura in cui vi sembri necessario per ottenere la consistenza voluta. E il vostro pâté è pronto.

Potete impiegarlo per accompagnare il fegato, come usava una volta – e ricordiamo che il fegato nella cucina genovese poteva essere accompagnato anche da un salsa di aglio, mollica di pane e aceto, in pratica una semplificazione della nostra ricetta ottocentesca, o forse, al contrario, una ricetta basica poi arricchita con un altro ingrediente, la milza.  Con questo pâté potreste  guarnire vari tagli di  carne dal sapore deciso. Sperimentate, come invita a fare questa rubrica. Infine, potete spalmarlo  sui crostini, come antipasto, o servirlo freddo e sodo in  terrina.

Che vino abbinare al  nostro pâté? Potremmo provare con un Valpolcevera Rosso.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.