Oltre 2,5 milioni di euro per tre nuovi patti di sussidiarietà che riguardano i giovani (oltre 1,2 mln), la povertà educativa (circa 1 mln) e lo sport inclusivo sociale (oltre 1,3 mln). Il finanziamento è reso possibile grazie ai fondi della Regione e del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

I patti, concepiti con la co-progettazione della Regione con il Terzo Settore, coinvolgono complessivamente in Liguria oltre 600 associazioni, 3 mila volontari e 277 interventi progettuali.

«I patti di sussidiarietà sono uno strumento di co-progettazione che, a differenza del bando, permettono di mettere assieme istituzioni e Terzo Settore per una progettualità comune – dichiara l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Ilaria Cavo – Con questi tre nuovi patti in uscita dalla pandemia si è scelto di destinare le risorse a una delle fasce più colpite dall’isolamento: i giovani. Si parte dal Patto Giovani che coinvolge i ragazzi dall’adolescenza fino ai 35 anni con l’obiettivo di restituire loro il protagonismo, la promozione di sane abitudini, percorsi dedicati per prevenire devianza o esclusione in particolare per i Neet (giovani che non studiano e non lavorano). Si prosegue con il Patto sulla Povertà Educativa indirizzato ai bambini e ai ragazzi fino alla maggiore età per accompagnarli al superamento delle difficoltà delle lacune formative legate anche all’isolamento e per guidarli in percorsi di sensibilizzazione sui temi dei diritti e dello sviluppo sostenibile. Per confermare il valore inclusivo dello sport, viene proposto infine il Patto sullo Sport Inclusivo Sociale, innovativo e inedito, come fondamentale strumento di integrazione e miglioramento del benessere psico-fisico. Stiamo dunque parlando di progettazioni importanti che puntano a raggiungere oltre 40 mila persone».

Il termine per la conclusione delle attività è previsto per la fine di febbraio 2023 con la programmazione di eventi di restituzione e con un confronto sui modelli possibili di intervento per l’ulteriore progettazione futura.

«Tra le azioni trasversali dei patti ve n’è una particolarmente significativa che riguarda l’emergenza ucraina – aggiunge l’assessore – Grazie a un accordo tra Regione e Terzo Settore e a una disponibilità di tutte le associazioni coinvolte nei tre patti, siamo stati in grado di rispondere in maniera puntuale al supporto delle attività di mediazione linguistica finalizzate all’inserimento scolastico. Sempre su questo fronte un’altra parte delle risorse vengono dedicate all’inclusione dei profughi ucraini nelle attività previste dai patti».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.