Il consiglio direttivo del Gal Valli Savonesi ha approvato le graduatorie di 4 bandi dopo la fase istruttoria conclusa dall’ispettorato agrario, per un totale di 1,8 milioni di euro di contributi per il territorio.

Nell’ambito della seduta del Gal, è stato preso atto dell’avvicendamento alla presidenza del Cersaa di Enrico Lupi, il quale subentra anche nel medesimo consiglio del Gal, dell’insediamento del sindaco di Arnasco Matteo Mirone in rappresentanza di Anci e del consigliere Maurizio Damiano per il Comune di Mioglia.

I finanziamenti assegnati riguardano gli investimenti in infrastrutture collettive a sostegno delle aziende agricole (viabilità e acquedotti), adeguamenti al progetto “Experience” sulla rete museale in edifici comunali e impianti di trasformazione di aziende artigiane della birra e della pasta.

Il presidente del Gal Osvaldo Geddo, da dicembre 2021 anche membro di giunta della Camera di Commercio Riviere di Liguria per il settore agricoltura, spiega: «Con questo consiglio abbiamo assegnato oltre il 95% delle risorse a disposizione del Gal che non sono state implementate con i fondi 2021-2022. Questo risultato molto positivo è il frutto di una intensa, continuativa e razionale azione di coordinamento e condivisione degli obiettivi operata dal Gal Valli Savonesi e supportata fortemente da tutto il partenariato che, ricordo, essere composto in maggioranza da una rappresentanza privata – Coldiretti, Cia, Confagricoltura, CNA, Confartigianato, LegaCoop Liguria, Confcooperative, Federturismo – Uisv e associazione Le Tre Terre e per la restante quota da una rappresentanza pubblica – Camera di Commercio Riviere di Liguria, Comuni, Provincia, Anci, associazione Altra Via del Finalese, consorzio Bim Ordine dei Dottori Agronomi, Parco del Beigua, Parco Piana Crixia Parco Bric Tana e Guide Alpine – abbiamo ancora da approvare le risorse per altri due bandi in istruttoria da parte della Regione che, purtroppo, non riesce a concludere le procedure di finanziamento in tempi accettabili per carenza di organico degli ispettorati».

Il Gal intende dare il proprio contributo alla Regione Liguria nella predisposizione del nuovo periodo di programmazione 2023-2027, data la conferma del canale Gal nella direttiva Ue  e vista l’esperienza maturata sul territorio.

«È necessario implementare la collaborazione e quindi semplificare le procedure amministrative tra Regione e i Gal per guadagnare in efficienza e tempestività, riuscendo così ad assegnare in maniera più rapida le risorse per progetti di crescita e sviluppo del savonese – aggiunge Geddo – grazie al Gal, aziende, aggregazioni di impresa, enti pubblici etc… sono riusciti ad ottenere fondi davvero importanti, per questo è indispensabile aumentare le sinergie operative e funzionali alle esigenze del nostro territorio».

Per il direttore del Gal Giovanni Minuto: «I risultati fino a qui raggiunti dimostrano quanto le parole-chiave della nostra strategia siano adeguate ai tempi: ridurre lo scivolamento a valle delle attività economiche e lo spaesamento culturale; creare opportunità e nuovi posti di lavoro; favorire la fruizione sostenibile e consapevole del territorio; contribuire allo sviluppo infrastrutturale e organizzativo della nostra provincia».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.