Gal Riviera dei Fiori, 176 mila euro per l’agricoltura sociale: domande dal 5 maggio

L'obiettivo del nuovo bando è sostenere le iniziative per lo sviluppo e il rilancio economico dell’entroterra

Gal Riviera dei Fiori, 176 mila euro per l’agricoltura sociale: domande dal 5 maggio

176 mila euro per l’agricoltura sociale dell’entroterra di Imperia e Sanremo. È l’importo messo a disposizione dal Gal (Gruppo di azione locale) Riviera dei Fiori con il nuovo bando “Progetto di Cooperazione – Interventi finalizzati a garantire i servizi essenziali alla popolazione rurale e sostegno all’agricoltura sociale”. L’obiettivo è sostenere nuove iniziative per lo sviluppo e il rilancio economico dell’entroterra. Le domande possono essere presentate dal 5 maggio al 2 settembre 2022 sul portale del Sistema Informativo Agricolo Nazionale.

Tra gli interventi ammissibili, il sostegno per la diversificazione delle attività agricole in attività riguardanti assistenza sanitaria, integrazione sociale, agricoltura sostenuta dalla comunità ed educazione ambientale-alimentare. Ma anche la prima costituzione del partenariato, i costi di esercizio, l’attività promozionale e divulgativa del progetto.

Il contributo complessivamente richiesto non potrà essere inferiore a 80 mila euro e superiore a 90 mila. Possono presentare domanda esclusivamente i gruppi di cooperazione tra partner, coinvolti nelle attività previste nello stesso progetto di cooperazione. Tra i soggetti che possono far parte di questi gruppi, gli imprenditori agricoli singoli e associati operanti in Liguria, le istituzioni pubbliche, parte del sistema territoriale dei servizi sociali e socio-sanitari (Asl, Comuni, distretti socio-sanitari), prestatori di servizi riconosciuti dalla Regione, soggetti privati del terzo settore correlati al settore dell’agricoltura sociale, piccole e medie imprese.

«Il Gal Riviera dei Fiori – sottolinea il presidente Franco Ardissone – è nato per realizzare obiettivi ben precisi: la valorizzazione del sistema ambientale, nei suoi aspetti di struttura produttiva, di paesaggio e di percorso turistico, e del patrimonio agroalimentare del sistema delle imprese. Ma anche la promozione del prodotto tipico, fondamento della qualità agroalimentare e, ancora, la cooperazione per la costruzione di sistemi, l’interscambio di pratiche e la divulgazione su ampia scala di programmi, iniziative e strategie allargate».

Altre informazioni sul bando sono disponibili sul sito www.galrivieradeifiori.it.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here