Via libera dalla giunta comunale della Spezia all’approvazione delle “linee guida relative al piano turismo 4.0 della società Liguria Digitale spa“. Nei mesi scorsi Liguria Digitale ha presentato un Piano strategico di azione Turismo 4.0, per la realizzazione e gestione del destination management system del Comune della Spezia. Il dms è un sistema di gestione e promozione dei molteplici servizi turistici offerti da un determinato territorio; un portale di dms consente di organizzare l’offerta turistica, mettendo a disposizione dei visitatori tutte le informazioni e i servizi utili al suo viaggio in un unico spazio virtuale.

Da queste radicali trasformazioni, rese ancor più necessarie dall’emergenza epidemiologica da Covid 19 che ha letteralmente modificato lo scenario della domanda e dell’offerta turistica, a livello nazionale e internazionale, nasce la scelta di trasformare il progetto del dmo in destination management system, che consente, attraverso piattaforme open source, di comunicare sul web le bellezze, i luoghi, la cultura di una determinata destinazione turistica.

Le attività previste nel Piano strategico fanno riferimento alla scelta dell’amministrazione comunale di individuare percorsi di trasformazione che trovino coerenza con le linee strategiche indicate dai piani nazionali sulle evoluzioni delle Pubbliche amministrazioni e dagli indirizzi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza “Italia Domani”.

Nella descrizione del Piano si fa particolare riferimento inoltre alla scelta di sviluppare azioni che realizzino servizi tecnologici che promuovano la valorizzazione del patrimonio culturale e turistico, anche in funzione di promozione dell’immagine e del territorio (soluzioni digitali innovative e adozione di modelli di intelligenza artificiale per analizzare, in forma anonima, i dati sul comportamento degli utenti e i flussi turistici); siano coerenti con la creazione di un Hub centralizzato del turismo digitale che consenta il collegamento dell’intero ecosistema turistico per valorizzare, integrare, favorire l’offerta del Paese.

Da un’analisi dei dati si evince che l’83% dei turisti usa il web per cercare informazioni, di questi il 34% lo fa rivolgendosi ad agenzie on line, mentre l’86% consulta almeno una app durante il viaggio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.