Intesa rappresentativa delle varie associazioni di categoria per raggiungere politiche regionali condivise sui punti principali del comparto ittico: caro gasolio, pesca al gambero rosso, al tonno e canoni demaniali. Sono questi i principali argomenti trattati nel Tavolo Blu di lunedì 4 aprile, indetto dal vicepresidente regionale con delega alla Pesca Alessandro Piana insieme al deputato Lorenzo Viviani, ai rappresentanti di Legacoop Liguria, Confcooperative Liguria – Federcoopesca, Coldiretti Impresa Pesca Liguria e del Dipartimento Agricoltura, Turismo, Formazione e Lavoro della Regione Liguria.

«In merito al caro gasolio, continuerò i confronti col Ministero – spiega Piana – per avviare celermente le procedure di utilizzazione del Fondo per lo Sviluppo e il Sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura che, per il comparto ittico in Italia, stanzia 20 milioni di euro. Sulla pesca di profondità ai gamberi, oltre a sollecitare misure di aiuto a valere sul Feamp, lavoreremo su una suddivisione delle quote equa sulla base delle zone geografiche autorizzate per consentire l’utilizzo dell’intera quota di riparto, anche nel caso in cui venisse raggiunto il numero massimo di giornate previste dall’attuale decreto ministeriale in vigore. Al contempo ci confronteremo sull’individuazione di criteri alternativi da proporre, con l’istituzione di un tavolo tecnico Ministero-Regioni-Associazioni di categoria.

Di altrettanto rilievo, secondo Piana, «l’impegno sulla proposta di riduzione dei canoni minimi demaniali e la richiesta di nuove misure sulle catture accidentali del tonno rosso. Per quest’ultimo punto si potrebbe procedere con l’adozione di finestre temporali o criteri alternativi che possano ripartire congruamente le catture accidentali in tutto l’arco tirreno-ligure, per evitare che i palangari si trovino, loro malgrado, a catturare accidentalmente un tonno e ad incappare in sanzioni, in caso di plafond esaurito. Come assessorato dobbiamo cercare di alleggerire il carico gravoso dei nostri imprenditori e snellire la burocrazia: sono asset imprescindibili per la ripartenza».

Intanto la giunta regionale  su proposta di Piana ha approvato il bando sulla misura 1.30 del Feamp (Fondo europeo per la politica marittima, la pesca e l’acquacoltura) per oltre 42 mila euro. Le domande sono destinate alla diversificazione e alle nuove forme di reddito dei pescatori  per lo sviluppo delle attività complementari quali investimenti a bordo, turismo legato alla pesca sportiva, ristorazione, servizi ambientali e attività pedagogiche. È  finanziabile il 50% delle spese ammesse con termine ultimo per la presentazione delle domande di sostegno il 10 maggio. Oltre a questa misura    sono in pagamento gli aiuti per venire incontro alle difficoltà delle imprese ittiche a seguito degli arresti temporanei dell’attività di pesca causa Covid-19, con un plafond totale di 200 mila euro, che implementeremo a breve , dopo l’approvazione del ministero, con ulteriori fondi per oltre 100 mila euro».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.