Sono partiti i lavori di riqualificazione dell’edificio sede di alcune associazioni nel quartiere del Favaro, alla Spezia.

L’intervento prevede la realizzazione di un sistema di cappotto termico su tutte le facciate dell’edificio e la sostituzione degli infissi esterni (sia finestre che tapparelle) con altri idonei dal punto di vista della sicurezza e dell’efficientamento energetico e acustico per una spesa complessiva di 200 mila euro.

«Una promessa che abbiamo mantenuto, in un quartiere nevralgico – dichiara il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – l’edificio del Favaro che ospita associazioni che tutti i giorni si impegnano sul territorio e per la comunità era stato troppo a lungo dimenticato, levando anche decoro e dignità alle stesse associazioni ospiti. Per questo, abbiamo fatto un progetto per una sua importante riqualificazione, che consta di circa 200 mila euro».

Altri interventi, subordinati ai due principali, consisteranno nella rimozione, riverniciatura e adeguamento delle inferriate esistenti, nella rimozione e risistemazione a fine lavori di tutti gli elementi della facciata che potrebbero interferire con le lavorazioni per la realizzazione del cappotto termico e nella sostituzione dei marmi esistenti.

L’edificio, ubicato in via della Libertà, 2, è costituito da piano terra e piano primo attualmente presenta uno scarso stato manutentivo con distaccamento sia delle pitturazioni sia, in parte, anche degli intonaci. Anche gli infissi esterni in legno presentano uno scarso stato di manutenzione tanto che alcune delle finestre e delle tapparelle non sono più apribili.

Altro aspetto critico consiste nel fatto che molte finestre sono della tipologia “a ghigliottina”, non più ammissibile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.