«Non c’è categoria economica che sia esente dal disastro. Le ripercussioni dei disagi sono ormai incalcolabili per tutto il territorio savonese». Così il presidente dell’Unione degli Industriali della provincia di Savona, Angelo Berlangieri, denunciando ancora una volta la situazione sulle autostrade liguri.

«Avevamo inteso che dopo il 20 marzo la fase critica dei lavori sulle autostrade volgesse al termine, con un progressivo miglioramento della percorribilità, e che da metà aprile all’8 maggio fossero completamente libere con una successiva ripresa lavori, prima dello stop estivo, dal lunedì al venerdì – aggiunge – La realtà è che da una settimana è diventato di fatto impossibile raggiungere Genova, con code medie tra Savona e Arenzano di 11 km e punte di oltre 25 km, e che da metà aprile si ridurranno i cantieri, le ultime news pubblicate sui media annunciano che rimarranno dei restringimenti, che significa ancora code».

Basta cashback, serve eliminare i pedaggi, aggiunge: «Siamo giunti ai limiti, anche psicologici, della tolleranza e non è più possibile dover soltanto segnalare ripetutamente i disagi e le difficoltà che tutti giorni viviamo: chiediamo a tutte le istituzioni e i soggetti responsabili, non solo scuse e racconti di quel che sarà ma d’intervenire urgentemente riprogrammando i lavori, in modo che sia possibile muoversi, eliminando su tutta la tratta il costo del pedaggio, evitando la presa in giro del cashback».

«Senza risposte concrete non avremo, nostro malgrado, altra scelta che dover protestare con ogni mezzo, nel rispetto delle norme, con forza e clamore per difendere il nostro diritto sacrosanto a potersi spostare e lavorare», conclude il presidente Uisv.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.