Si è svolto ieri pomeriggio l’incontro tra l’assessorato regionale alla Formazione e Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti per effettuare un approfondimento sul bando regionale che prevede il finanziamento di voucher per il conseguimento di patenti per l’autotrasporto di cose e persone.

La Regione ha illustrato i contenuti del bando finanziato con fondi europei che prevedono tempi piuttosto rapidi rispetto alla rendicontazione delle spese. Non è escluso che sulla base degli esiti di questo primo progetto vengano emessi bandi successivi attingendo ai finanziamenti del prossimo fondo sociale europeo.
Le organizzazioni sindacali hanno posto alcuni quesiti rispetto alle modalità previste per l’ottenimento dei voucher da parte dei disoccupati o inoccupati con residenza o domicilio in Liguria.

È stato chiesto di attivare un tavolo con le scuole guida per garantire agli interessati che non dovessero entrare nella graduatoria del bando di potersi svincolare dal contratto nel caso in cui la spesa per la patente richiesta fosse ritenuta eccessiva in assenza di contributo regionale.

Al momento non è ancora chiaro se il voucher sarà incompatibile rispetto al finanziamento ministeriale per il bonus patenti previsto dal decreto milleproroghe, ma i tempi delle due misure sono sfalsati quindi il voucher regionale non dovrebbe impedire di conseguire successivamente una patente diversa con il contributo del bonus patenti nazionale.

Rispetto alla possibilità di utilizzare il voucher anche da parte di disoccupati che chiedono di essere assunti da aziende del trasporto pubblico locale attraverso bandi di selezione pubblica, le organizzazioni sindacali hanno richiesto di attivare un confronto anche con le aziende di trasporto pubblico locale per convenire modalità operative efficaci per i prossimi bandi, salvaguardando e garantendo le graduatorie già in essere nelle aziende pubbliche.

La valutazione del sindacato circa il sostegno economico pubblico ai disoccupati che intendono conseguire patenti per l’autotrasporto di persone e merci è positiva, anche in considerazione della carenza di personale patentato denunciata dalle aziende del settore.

Resta comunque “la preoccupazione per la gravosità delle mansioni e i livelli retributivi dei settori interessati che rimangono i problemi fondamentali che la categoria continua ad affrontare ai tavoli di confronto per rendere queste professionalità più appetibili e socialmente sostenibili”, si legge nella nota sindacale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.