Nella giornata di oggi 18 marzo, i lavoratori di Hi-Lex sono nuovamente scesi in sciopero effettuando un presidio presso il mercato settimanale di Chiavari.

Durante la manifestazione è stato distribuito un volantino alla cittadinanza per spiegare le motivazioni che hanno portato a promuovere iniziative di sciopero che proseguono oramai da oltre un mese, ricordando che sono 22 i lavoratori dichiarati in esubero dalla direzione aziendale e che, in mancanza di un accordo, perderanno il proprio posto di lavoro entro il prossimo mese.

Contemporaneamente, i delegati della Fiom delle rappresentanze sindacali di Fincantieri, di Arinox, Algo e Industria di Leivi e di altre aziende metalmeccaniche del territorio, hanno dichiarato 1 ora di sciopero di solidarietà schierandosi a fianco dei loro colleghi della Hi-Lex durante il presidio e il volantinaggio.

Fiom Genova e Tigullio annuncia che «Dopo la manifestazione dell’1 febbraio e quella odierna, altre ne seguiranno affinché la direzione aziendale ritiri la procedura di licenziamento e si renda disponibile a discutere sulla ricollocazione dei lavoratori in esubero all’interno dell’azienda, dopo un periodo di formazione che consenta loro di svolgere le mansioni di cui la stessa Hi-Lex ha dichiarato di avere bisogno per soddisfare al meglio le esigenze delle nuove linee di produzione in allestimento in azienda».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.