È in corso di svolgimento lo sciopero dei dipendenti Comdata che stanno incrociando le braccia contro i ritmi di lavoro insostenibili.

Il call center di Sampierdarena, che si occupa di customer care in appalto, riferiscono la Slc Cgil e la Uilcom Uil, sopperisce alle carenze di organico con “ritmi di lavoro frenetici vengono affrontati con una incessante richiesta di lavoro straordinario; tra le motivazioni alla base dello sciopero anche il controllo individuale del lavoratore, in spregio alle tutele previste da leggi e accordi interni”.

Secondo i sindacati l’azienda deve cambiare registro: serve una regolamentazione chiara dello smart working e dei rientri in sede, nel rispetto della normativa anticovid e percorsi di formazione e crescita professionale ad oggi del tutto assenti.

Oggi sino alle 13:30 in sciopero e presidio davanti alla prefettura di Genova anche i dipendenti dell’Ispettorato nazionale del lavoro.

A sostegno dei lavoratori Fp Cgil, Cisl Fp e Uilpa. “Coloro che sono chiamati a tutelare le condizioni di lavoro e la salute e la sicurezza di tutti i lavoratori, per un’irragionevole e formale interpretazione normativa, vengono privati di risorse economiche riconosciute a tutti i dipendenti dei ministeri, compreso il ministero del Lavoro”.

Le organizzazioni sindacali chiedono di superare il “costo zero” con risorse stabili per una vera tutela del lavoro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.