I nuovi casi di Covid registrano un nuovo calo nell’ultima settimana, in Liguria così come a livello nazionale. Lo rende noto il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe. Nella settimana tra il 23 febbraio e l’1 marzo nella nostra regione i nuovi positivi risultano in diminuzione del 17,2% e si attestano sugli 895 ogni 100 mila persone. Rispetto alla settimana precedente, scendono sotto la soglia di attenzione i posti letto occupati in terapia intensiva, che calano fino al 7,7%. Restano invece oltre il livello di saturazione quelli totali in area medica occupati da malati Covid, il 20%.

A livello nazionale il calo dei nuovi casi è del 16%, con un 21% di occupazione ospedaliera in area Covid e 7,4% in terapia intensiva. «Si allenta ulteriormente la pressione sugli ospedali – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione – dove i posti letto occupati da pazienti Covid diminuiscono sia in area medica, -20%, sia in terapia intensiva, -21%».

Guardando la situazione vaccini, la popolazione ligure vaccinata che ha terminato il ciclo è l’83,7%, mentre l’1,4% ha ricevuto per ora solo la prima dose.

Le terze dosi in Liguria sono state somministrate all’81,9% della popolazione, contro una media nazionale dell’83,9%.

Per quello che riguarda la fascia dei giovanissimi, sono il 23,6% i liguri tra i 5 e gli 11 anni che hanno già effettuato il ciclo completo di vaccino, mentre al 5,3% è stata somministrata per ora la prima dose.

Secondo la rilevazione della fondazione Gimbe, al 2 marzo sono 7,03 milioni le persone che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino, di cui 2,27 milioni guarite da Covid-19 da meno di 180 giorni e pertanto temporaneamente protette: le persone attualmente vaccinabili sono dunque circa 4,8 milioni, un dato che non tiene conto delle esenzioni, di cui non si conosce il numero esatto.

A dispetto di numeri ancora molto elevati tra i non vaccinati, rispetto agli altri Paesi europei l’Italia si colloca fra le nazioni con la più bassa percentuale di popolazione che non ha ancora ricevuto alcuna dose (16,1%).

Su questo fronte si registrano differenze molto rilevanti fra i diversi Stati: si passa dal 5% del Portogallo al 63,8% dell’Ucraina. Dato da non sottovalutare, come fa notare il presidente della Fondazione, tenendo conto dei migliaia di profughi che, a causa della guerra, stanno trovando rifugio in altri Paesi europei, tra cui l’Italia: «Il dato ucraino – commenta Nino Cartabellotta – non deve essere sottovalutato, considerata la drammatica situazione che poterà nelle prossime settimane migliaia di profughi nel nostro Paese: i piani di accoglienza del governo per accogliere i civili in fuga dovranno necessariamente includere la vaccinazione di anziani e fragili provenienti dalle zone di guerra, evitando diseguaglianze tra le Regioni. A tal proposito, occorrerà eventualmente rivalutare l’entità delle donazioni di vaccini a mRNA a Paesi in difficoltà, considerata la necessità di estendere la campagna vaccinale ai profughi di guerra».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.