Fincantieri ha chiuso il 2021 con ricavi e proventi in crescita del 28,3%, a 6.662 milioni euro. L’ebitda è stato in aumento del 57,4% a 495 milioni di euro, mentre l’ebitda margin si è assestato al 7,4% (vs. 6,1% 2020) nonostante l’aumento dei prezzi delle materie prime. Il risultato netto adjusted è stato positivo per 92 milioni di euro (negativo per 42 milioni di euro nel 2020) e l’utile netto positivo pari a 22 milioni di euro (negativo per 245 milioni nel 2020) dopo aver scontato oneri per amianto (55 milioni) e per Covid-19 (30 milioni). L’indebitamento finanziario netto è pari a 859 milioni di euro (1.062 milioni al 31 dicembre 2020), in diminuzione nonostante l’incremento dei volumi di produzione e gli investimenti del periodo: riflette la positiva performance del settore cruise con consegne pienamente in linea con il programma di produzione e le previsioni di spesa. È quanto risultato dal bilancio di esercizio e consolidato 2021 approvato dal cda

Al netto degli effetti dovuti all’incertezza macroeconomica e politica derivante dal conflitto russo-ucraino, e dal protrarsi dell’emergenza sanitaria, Fincantieri prevede ricavi in crescita nel 2022, superando le stime attese prima della pandemia e un consolidamento della marginalità, nonostante l’incremento dei prezzi delle materie prime e dell’energia che il gruppo sta riscontrando. Tali risultati potrebbero consentire il ritorno a una sostenibile politica di distribuzione dei dividendi a partire dal 2022. La posizione finanziaria netta per il 2022 è prevista in linea con i valori di fine anno 2020.

«I risultati presentati oggi – ha dichiarato l’a.d. Giuseppe Bono – dimostrano la capacità e la resilienza di Fincantieri nel rispondere a una crisi, quella legata alla pandemia, che ha colpito l’azienda e i suoi clienti In tale contesto, la società ha saputo mantenere gli ordini e tutti i suoi impegni, consegnando le navi nei tempi concordati. La spinta inflazionistica, la scarsità delle materie prime e il conflitto in corso rendono ancora più complesso e incerto lo scenario attuale. Il momento particolarmente difficile che stiamo attraversando richiede quindi la massima coesione e determinazione di tutto il personale nell’affrontare le difficoltà emergenti».

I volumi di produzione hanno raggiunto livelli record per lo sviluppo dell’ingente carico di lavoro e il rispetto del piano di consegne, con 16,4 milioni di ore lavorate da 13,1 milioni del 2020 e 15,6 milioni del 2019. Sono state consegnate 19 navi da 12 stabilimenti, mentre gli investimenti sono stati pari a 358 milioni per supportare l’efficientamento produttivo dei cantieri italiani e esteri e sviluppare lo standard tecnologico. Non verrà proposta all’assemblea la distribuzione di dividendi per l’esercizio 2021.

«Questi sono risultati che consentono l’assunzione dei lavoratori a riprova del fatto che la società non è solo orientata al profitto ma anche al valore sociale della produzione creando ricchezza per il Paese e con essa posti di lavoro di cui ne beneficiano i lavoratori, le loro famiglie e i cantieri liguri − afferma Antonio Apa, segretario generale Uilm Genova − iInoltre, grazie alla lungimirante strategia di politica industriale di Bono, Fincantieri amplia le sue competenze entrando in nuovi segmenti tecnologici e mettendo a terra importanti e innovativi progetti, insieme a primari partners nazionali e internazionali. La Uilm non può che essere soddisfatta di questi risultati che abbiamo contribuito a realizzare insieme ai lavoratori. Per questo non posso che auspicare e come me la pensano gli 8000 dipendenti Fincantieri che il governo dia continuità all’attuale management».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.