L’aumento dei costi dell’energia e delle commodity è destinato a durare ancora a lungo, secondo le stime di tutti i grandi operatori e degli analisti internazionali, contribuendo a far crescere le bollette di imprese e cittadini. algoWatt, greenTech company quotata sul mercato Euronext Milan di Borsa Italiana, e Gruppo Nsa, specializzato nella intermediazione creditizia e nei servizi di consulenza assicurativa e di finanza agevolata per le pmi, hanno messo a punto un’offerta “chiavi in mano” per la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili che consenta di avere una minore dipendenza dalla rete e una maggiore capacità di essere resilienti rispetto agli stress del caro bollette.

La proposta, rivolta ad aziende e a gruppi di utenti, è stata realizzata nell’ambito della partnership strategica tra i due gruppi per migliorare costantemente l’efficienza energetica e la sostenibilità, promuovendo lo sviluppo delle fonti rinnovabili, riducendo i consumi elettrici e le emissioni.

“Unendo in sinergia le competenze tecnologiche di algoWatt e le opportunità finanziarie attivabili dal Gruppo Nsa, per i clienti sarà possibile accedere a una proposta integrata e coordinata, che preveda tutte le fasi di analisi, progettazione, verifica finanziabilità del progetto, ricerca dei partners finanziari, individuazione e applicabilità di eventuali agevolazioni finanziarie, installazione, messa in funzione e consegna di soluzioni complete per l’incremento delle performance energetiche e ambientali” affermano in una nota congiunta Giovanni Salemi, direttore commerciale del Gruppo Nsa e Marco Genta, key account manager di algoWatt.

Installando un impianto fotovoltaico, il cliente potrà produrre energia elettrica rinnovabile per il proprio fabbisogno, coprendo percentuali anche superiori al 40% dei consumi, che potranno arrivare all’80% nel caso di integrazione di un sistema di accumulo. Questi impianti, inoltre, possono essere anche inseriti in contesti allargati verso il modello delle comunità energetiche. L’eventuale produzione di energia in esubero, non utilizzabile nel ciclo di consumo (per esempio nei giorni di chiusura aziendale o nelle ore di minore richiesta nei contesti residenziali) può essere messa a disposizione di altri consumatori, accedendo così al sistema incentivante gestito dal gse, con una conseguente valorizzazione della generazione elettrica.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.